accedi   |   crea nuovo account

V come Gabbiano F come Giano

... pensando di essere un libero gabbiano il pensiero passa da una gabbia ad un'altra... mentre è soltanto un fagiano... liberato nel fa già notte... del primo giorno di caccia..

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Ho visto poveri fagiani... allevati in gabbia... quasi incapaci di volare... e liberati il giorno prima che riaprisse la caccia... lo stesso è valido per i nostri cosidettti pensieri...


8
3 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giuliano cimino il 29/07/2013 23:52
    un parallelismo surreale ma così vero! Poveri fagiani.. e poveri pensieri imprigionati o fatti imprigionare!
  • Anonimo il 29/07/2013 17:57
    Tutto è finalizzato al volo del calabrone, anche quello del gabbia no.
    Che vuoi Vincè, siamo esseri non esseri, ma averi e per giunta, ma non le mani, aggressivi e petulanti. Infatti ce ne sono tanti che si emozionano al flap flap del clap clap.
    Ottima Vincè e abbondante per la platea!
  • Raffaele Arena il 28/07/2013 23:11
    Davvero una verità espressa con semplicità. Se non potenziamo la nostra forza spirituale e mentale, già storditi e narcotizzati da immagini deprimenti, falsi storici, atrocità disumane, altro che fagiani, poveri animali.
  • Anonimo il 28/07/2013 15:41
    Molto, molto sentito per me questo aforisma che evidenzia come, specialmente oggigiorno, l'illusione di libertà di pensiero concessaci spesso non è altro che un modo di dirottarci e pilotarci verso percorsi obbligati che già altri hanno deciso per noi, facendoci "impiccare" con le nostre stesse mani. LIAN99
  • Anonimo il 28/07/2013 14:22
    Straordinario pensiero degno di una mente saggia... complimenti sei superlativo Vincenzo!!!
  • Anonimo il 28/07/2013 11:29
    Appena letto il titolo mi sono sentito nominare, se non altro per il cognome. Battute a parte, mi sembra una metafora che parla dell'illusione di libertà, sempre che l'abbia interpretata bene.
  • Rocco Michele LETTINI il 28/07/2013 10:43
    TANTO RCCCHIUDE IL TUO METAFORICO COSTRUTTO... DI VERITA' VESTITO...

3 commenti:

  • Anonimo il 30/07/2013 10:43
    ... il pensiero di libertà ormai è tramontato nella notte. Verità sentite. Bella...
  • Anonimo il 28/07/2013 12:20
    metafora molto bella e sentita... complimenti vincè
  • Anonimo il 28/07/2013 10:32
    Vincenzo, duole anche a me ma... causa troppi "Giani" bifronti volano via dal sito gabbiani e fagiani e pare non si voglia porre rimedio. Forse nulla c'entra con la tua frase ma quel Giano l'ho "colto" così.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0