username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La banconota e l'uomo salvadanaio

... se una banconota potesse raccontarti il traffico della sua vita... cadresti a terra frantumandoti in nauseabondi spiccioli...

 

5
7 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 15/06/2014 10:37
    Se potesse dirti della quantità di coca che l'ha attraversata le chiederesti se almeno sia stata di buona qualità
  • Anonimo il 31/08/2013 22:29
    Avrebbe molto da raccontare...
    Condivido pienamente il tuo saggio pensiero...
    Bravissimo Vincenzo!!
  • Centrone Stefano il 31/08/2013 16:40
    Giusta frase la tua...
    Mi piace come l'hai stilata Vincè.
    Oggi è il soldo che fa la differenza tra noi uomini; nel senso che siamo stati comperati dal dio denaro.
    Siamo schiavi...
  • Anonimo il 31/08/2013 07:35
    La nota del banco, l'unico veicolo infetto che non attacca malattie, che non puzza, che fa sentire in paradiso, dopo aver provocao l'inferno.
    la banco nota, l'unica carta su cui sono scritti i più veri e significativi racconti di vita, che nessuno leggerà mai.
    Ottima Vincè, ma quanti spiccioli ti sono rimasti?
  • Auro Lezzi il 31/08/2013 07:15
    Vincè e figuriamoce una moneta antica...
  • Rocco Michele LETTINI il 31/08/2013 07:07
    Genio e tanto da riflettere... Sei ne la verità ironicamente lasciata...

7 commenti:

  • stella luce il 02/09/2013 22:19
    la storia risiede anche negli oggetti,,,, se solo potessero parlare... beh alle volte lo fanno, io ricordo che alle volte sulle banconote trovavi veri e propri poemi o la lista della spesa... adesso troppa tecnologia non usa più...
  • karen tognini il 01/09/2013 09:17
    Veroooooooo...
    sei unico...
  • Anonimo il 31/08/2013 20:42
    Geniale il tuo pensiero Vincè! Mi ha fatto pensare...
    Le bancanote, avrebbero molto da raccontare sui "ricchi" disonesti, poco sui "poveri"... ma onesti.
  • ciro giordano il 31/08/2013 12:37
    anch'io ci ho pendsato, molte volte... Ne verrebbero fuori sai che romanzi, se potessero parlare, da far impallidire Tolstoi e Dostoijewski messi insieme...
  • Anonimo il 31/08/2013 07:39
    Che bello il tuo pensiero, Caterina!!
  • Anonimo il 31/08/2013 07:00
    Questo aforisma è geniale: spiega tutto quello che corre dietro una semplice banconota, compreso ciò che è più torbido. Complimenti.
  • Caterina Russotti il 31/08/2013 06:24
    Magari ti potrebbe raccontare la storia di una vecchina che la teneva con cura, perché unica nel suo borsellino e la faceva da padrona in mezzo a tanti spiccioli.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0