PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'Isola della Tortuga

... un uomo forte non cede alla tortura... ma crolla come un bambino se fanno del male ai Suoi Cari...

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

ancorché bisogna viverla per veramente saperlo...


1
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 07/09/2013 08:56
    DUE PESI... DUE MISURE... PURTROPPO...
    L'AMORE PER I CARI NON LO SI PUO' SOFFRIRE...
  • Anonimo il 07/09/2013 08:40
    Tu, Auro, ne hai un ricordo stupendo... Maurizio collega quel nome alla più terribile delle pene... Ma anche la tua reazione può essere un modo per vivere le <proprie> pene. Ognuno ha i suoi. E non ho nemmeno detto che non ci sia condivisione quando, ad un triste argomento enunciato da qualcuno, si reagisca in modi opposti... Ad esempio additando orizzonti di gioia quale migliore condanna di orride tendenze esistenziali.
    Maurizio
  • Auro Lezzi il 07/09/2013 08:06
    Io ce so stato una volta alla Tortuga... È un posto veramente stupendo..

2 commenti:

  • Anonimo il 07/09/2013 08:47
    Oggi faccio un errore dietro l'altro; ovviamente mi stavo rivolgendo a Te, Vincenzo, che l'autore sei dell'aforisma, anche se Maurizio l'ha comunque condiviso significativamente.
    Scusatemi.
  • Anonimo il 07/09/2013 08:41
    Errore: leggi <è detto>.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0