PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dodici anni dopo

Riguardando l'11 settembre vedo una giovane donna araba molto inesperta nell'arte dell'amare e del volare dare un calcio nelle palle (menzogne) ad un gruppo di vecchi astuti marines che l'hanno più volte violentata usando un particolare impegno nel farlo... da quel giorno le hanno ucciso tutti i figli nati da quell'ambiguo complicato rapporto...

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

40 anni fa.. stessa data colpo di stato in Cile... ci son così tante date da ricordare che sarebbe meglio dimenticarci dell'uomo...


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/09/2013 15:54
    Il mondo è costellato di date e di eventi, forse anche più tremendi ed anche dimenticati, che non fanno più parte del presente, ma di un passato molto remoto.
    Finché non accetteremo che l'altro possa essere come noi, e lo sia veramente in tutto, e ci faremo ammazzare perché l'altro lo sia veramente, allora non ci sarà bisogno di ricordare date, perchè tanto ne succederanno sempre di nuove, tragedie.

11 commenti:

  • karen tognini il 12/09/2013 17:59
    Leggo adesso.. e rimango basita...
    Il Don io non lo commento da molto tempo.. perchè una persona che chiede di essere commentato è veramente piccolina... lui se lo commenti ti commenta altrimenti no. Offendere Vincenzo di cui è invidioso..
    Forse non aspettava altro.. l'invidia è una brutta bestia..
    Vince.. l'11 settembre va ricordato.. come altre date...
    Per rispetto dei morti e dei loro cari...
  • Anonimo il 12/09/2013 06:36
    Sull'aforisma invece devo dire che mi ha fatto sempre riflettere questa coincidenza dell'11 settembre... bene sarebbe ricordarli entrambi, come ha fatto Capitanucci. un saluto.
  • Anonimo il 12/09/2013 06:35
    Concordo con salvatore Linguanti nel suo commento relativo al comportamento di Don Pompeo che addirittura dichiara di essere di origini nobili... quando proponevo nel mio regolamento di auto-etica la possibilità di accordarci per non commentare più un'autore offensivo, proponevo proprio questa cosa. Unica differenza: tutti gli aderenti avrebbero dovuto essere concordi... in mancanza di regolamento io mi accodo e decido: mai un commento a Don, nemmeno nell'aforisma dove chiede scusa... son troppe le volte che chiede scusa, questo personaggio.
    Grande solidarietà all'amico capitanucci... invece l'attaco che ha fatto a me lascia il tempo che trova: con me non era amico... potrebbe continuare all'infinito senza smuovere una mia minima emozione. Un saluto.
  • Anonimo il 11/09/2013 21:10
    Quello che scrive don è decisamente offensivo, ipocrita e vigliacco perché nascosto dall'anonimat0. Pertanto è inaccettabile quello che ha detto a Vincenzo Capitanucci e invito tutti, se dovesse restare, a non commentarlo mai più.
    Anzi proporrei di organizzare una veglia di preghiera se il don pompe, finalmente, se ne andasse ad angosciare e a provocare in qualche altro sito.
    Vivremmo tutti più sereni e contenti senza le sue provocazioni, alla borbonica, i suoi piagnistei e le richieste lagnose di recensioni, per recuperare punti.
    Don, facci vedere come sei uomo, abbi il coraggio di andartene, una volta per tutte!
  • Anonimo il 11/09/2013 20:59
    Don pompeo:
    Era questo che pensavi di Capitanucci?
    Sei stato IPOCRITA dall'inizio fino alla fine!
    Hai offeso e continui ad offendere tutti noi, solo perchè sei invidioso. Vegognati!
  • Don Pompeo Mongiello il 11/09/2013 18:11
    Finalmente posso dirti che mi fai proprio schifo, non so cosa in te trovano gli altri utenti, se non mondezza.
  • stella luce il 11/09/2013 17:30
    le date orrende da ricorda purtroppo sono tante... e come in tutte le guerre non vi è mai un vero colpevole ed un vero innocente... la guerra rende tutti animali e purtroppo chi vi rimette è sempre il debole, l'indifeso colui che crede nell'amore invece che nell'odio...
  • Anonimo il 11/09/2013 17:02
    È angosciante e molto triste, Vincè!
  • Anonimo il 11/09/2013 16:53
    proprio vero vincè ... sarebbe molto meglio dimenticare...
  • Caterina Russotti il 11/09/2013 15:50
    L'odio, la violenza... sono come la storia... Non hanno fine.
  • loretta margherita citarei il 11/09/2013 15:20
    hai mai pensato come sarebbe stato meglio il mondo se nn ci fosse stato l'11 settembre? ho in odio la violenza da qualsiesi parte essa provenga.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0