accedi   |   crea nuovo account

L'altro io

... l'Amore sconfina... con il celeste apporto di quattro violini tzigani... suonanti il tango delle capinere... nella sinfonia di un altro immenso sé stesso...

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

laggiù nell'arida zona

... il bandolero stanco
scende la sierra misteriosa
sul suo cavallo bianco
spicca la vampa di una rosa...


2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/09/2013 17:24
    Entusiasmante passione romantica e ben descritta. L'immensità dell'amore coinvolge l'immensità di se stessi.
    Complimenti vivissimi.
  • Rocco Michele LETTINI il 20/09/2013 06:40
    Sinfonia d'amore in una magica atmosfera questo alza sì caloroso aforisma...
  • Auro Lezzi il 20/09/2013 06:26
    Uhmmm.. A me pare musica di fisarmonica... E se sentEEEEEEE...

1 commenti:

  • gabriella zafferoni sala il 20/09/2013 12:13
    prima forma dell'amore..
    il bene che scende nell'anima e ci alimenta ancor prima del cibo
    e poi illumina sentieri sottili, impreziosendoli

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0