PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lui l'infinito

... lo splendore dell'infinito... sta... nel non poterlo mai raggiungere... ma più avanzi verso di Lui... più ti senti infinito... - anche se il termine avanzare... in questo sta il Suo meraviglioso mistero che al termine ci unisce tutti ... non ha nessun senso... in quanto non puoi avvicinarti o allontanarti da Lui di un solo passo - ...

 

6
5 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rosaria esposito il 09/10/2013 16:02
    questo mistero è dentro di noi, ma è così profondo che la ragione non potrà mai raggiungerlo..
  • Anonimo il 09/10/2013 12:13
    Per me, siccome siamo tutti in movimento, ci muoviamo tutti verso la stessa direzione. Allora non scopriremo mai un confine e sarà sempre infinito. Questa come idea peregrina del pellegrino, ma credo che l'infinito è innato in noi e siamo in continuo divenire, insieme a tutte le cose.
    Grande riflessione la tua Vincé!
  • Anonimo il 09/10/2013 08:35
    sembra un cabe che si morde la coda questo tuo aforisma, ma hai reso perfettamente l'idea, lo trovo davvero geniale
  • Rocco Michele LETTINI il 09/10/2013 06:54
    Il mistero dell'infinito? Il mistero di sognare oltre. Il mistero di andare sempre più lontano. Elogiabile Vincè.
  • LIAN99 il 09/10/2013 01:56
    Che luminosa riflessione!... L'imponderabile che ci affascina e ci permea e ci comprende tutti... Ed in quanto ne facciamo parte, anche noi siamo "Infinito"! Ne subiamo il fascino, ma non potremo mai afferrarlo, pur essendovi immersi. Che gran mistero!

5 commenti:

  • Anonimo il 09/10/2013 18:24
    Questo tuo Vincè, è particolrmante e incredibilmente bello e molto profondo.
    Quanto sono infiniti e profondi i tuoi pensieri Vincè...
    Ps: dove sono finite le poesie ipnotiche?
  • Ugo Mastrogiovanni il 09/10/2013 13:34
    L'analisi matematica vuole che l'infinito sia in funzione della variabile reale e testardamente riesce anche a quantizzarlo, il poeta Capitanucci lo rispetta, lo riverisce così com'è: vicino a Dio.
  • Anonimo il 09/10/2013 08:09
    ci avvolge tutti... anche se pensiamo che sia irraggiungile siamo una parte di lui... bellissima e sentita bacioni
  • anna rita pincopallo il 09/10/2013 07:42
    pensiero stupendamente bello
  • loretta margherita citarei il 09/10/2013 04:50
    COMPENETRARSI COL DIVINO DA IL SENSO COMPIUTO ALL'INFINITO

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0