accedi   |   crea nuovo account

La lunga attesa

Nel mio interno c'è amore per la bellezza della vita ma anche stanchezza. Scavando ancora, attraverso tunnel oscuri dove polvere e ragnatele proliferano da anni. Infine, al termine dell'oscurità, ci sta lui, il figlio che non è mai nato, che attende da vent'anni di venire alla luce.

 

6
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 12/06/2014 19:28
    Tu non puoi decidere che nasca, ma puoi disporre il tuo essere in modo da non ostacolarlo. L'Assoluto farà il resto solo dopo che tu avrai fatto del tuo meglio.
  • Anonimo il 25/10/2013 10:09
    E va bè, fallo nascere questo figlio, prima che abortisce... magari ti dà pure più sprint vitale!
  • Vincenzo Capitanucci il 25/10/2013 09:29
    al termine del tunnel dell'oscurità... la luce... il Figlio che non è mai nato... tanta è la bellezza da scoprire... ma quanta è la stanchezza... accumulata scavando...

    forse la via è l'abbandono... al dono del silenzio... al dono del Padre..(Abba... sembra una matrica poetica... nel dolce stil novo di una rima in-crociata)

2 commenti:

  • Anonimo il 25/10/2013 08:40
    La fatica richiesta è tanta solo quando ciò che si cerca vale molto. A volte, però, siamo anche noi a rendere faticoso, per le nostre complicazioni personali, ciò che sarebbe semplice trovare... Se ci abbandonassimo unicamente alla contemplazione di ciò che amore merita. Vera
  • mariateresa morry il 25/10/2013 07:00
    ma sai Vincent, tutto è destinato venire alla luce, se quel figlio sei tu, ancora meglio... a volte però bisogna saper scavare senza farsi del male, come fanno gli archeologi, con uno scopino delicato!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0