PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ridere

Ridere di se stesso è il capire del "non capire" il bislacco agire de lo suo cervello. Ridere di un altro è la presunzione de "l'essere stolto" nel non credere che il marcio è in lui per il non saper piangere.

 

0
5 commenti     8 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

8 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 19/11/2013 12:01
    A volte è divertente giocare all'essere presuntuosi, per poter ridere di se...
  • roberto caterina il 15/11/2013 12:49
    Una buona dose di autoironia ci vuole sempre per sdrammatizzare situazioni difficili, senza volerle minimizzare...
  • Auro Lezzi il 15/11/2013 11:27
    L'ironia è sale della vita... Ottimissima Rocco.
  • Giulia Gabbia il 15/11/2013 10:50
    Sagge parole che dovremmo tenere in considerazione non solo leggerle.. complimenti
  • Raffaele Arena il 15/11/2013 10:17
    Riflessione acuta e azzeccata. Gli animali quando devono diferdersi o aggredire, specialmente alcune razze canine, mostrano i denti come difesa, il ridere è per lo scimpanzè anche una forma di espressione, comunicazione. Non sempre è un fatto negativo, può anche essere un modus vivendi, se nei nostri cenci, cerchiamo di donare positività, e scarico di tensioni, agli altri. Buona giornata.
  • Anonimo il 15/11/2013 09:14
    Mi associo al sincero pensiero di Caterina Russotti e..., scusa se è poco.
  • Caterina Russotti il 15/11/2013 09:00
    È un bel pensiero che condivido... Ridere di noi stessi ci rende consapevoli di non essere infallibili... Come nessuno su questa terra.
  • Anonimo il 15/11/2013 08:29
    L'ironia è segno d'intelligenza viva e di apertura agli altri. Ma per essere tale bisogna, innanzitutto essere capaci di ridere di se stessi. Solo così, possiamo essere certi di sorridere sulla realtà che ci circonda... ma solo per farla risorgere!
    Profondissimo e condiviso pensiero Rocco. Buona giornata!

5 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 16/11/2013 21:04
    non solo, x saper ridere di se stessi occorre non soffrire di depressione
  • Anonimo il 16/11/2013 17:59
    È troppo facile ridere degli altri, mentre ridere di se stessi e delle proprie debolezze è segno di intelligenza e di apertura mentale
  • Chira il 16/11/2013 10:27
    Riflessione condivisa al massimo Rocco! Io so ridere di me stessa ma non sono per niente brava a farlo verso gli altri: diverse sono le sensibilità che s'incontrano e chi non recepisce l'ironia si sente solo offeso e perché farlo?! Un abbraccio.
    Chiara
  • Francesco Castaldi il 15/11/2013 11:59
    Ce ne fossero di persone che fanno un po' di sana autoironia. Invece spesso la gente, invidiosa (non si sa per quale motivo) ride del prossimo e lo umilia per sedare le proprie frustrazioni.
  • silvia leuzzi il 15/11/2013 11:00
    Sei un grande Rocco sempre e comunque. Buona domenica e grazie per i tuoi sempre puntuali commenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0