PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tutti a cena

il modo più penoso di ricordare l'infanzia e, al tempo stesso, tra gli orrori della vita di società.. è l'istituzione della cena di natale, dove adulti incalliti che si ignorano felicemente durante l'anno, si ritrovano seduti in un giorno stabilito ricordando i bei tempi... ma è così che la mancanza di fantasia si tranquillizza

 

1
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 17/12/2013 23:36
    Per fortuna che c'è mamma che ha la capacità di riunire tutti e da molti anni, non solo a natale, ma anche tutto l'anno... A casa sua non mancano mai sedie e tavoli... Adoro il natale come la mia mamma. Però devo ammettere che in alcune famiglie, succede quanto tu, hai scritto. Felice Natele Rosaria
  • francesco contardi il 17/12/2013 18:57
    ma perché fare di tutta un'erba un fascio??? ci sono famiglie che passano il natale con parenti che x tutto l'anno non si ignorano! ho capito e sono il primo a provare pessimismo x come la società si stà evolvendo, ma ci sono ancora "pizzichi" di famiglie dove la cena di Natale conta eccome, insieme ai parenti amati!
  • Rocco Michele LETTINI il 17/12/2013 17:53
    Un sapiente aforisma diligentemente costrutto...
  • Auro Lezzi il 17/12/2013 16:34
    È tremendamente vera sta cosa, mia cara Rosaria... Son felice che a me non tocchi.

1 commenti:

  • Anonimo il 23/12/2013 11:40
    Si dovrebbe veramente trascorrere co persone che realmente si amano . Ti auguro un sereno Natale Rosaria

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0