accedi   |   crea nuovo account

Digestione

Le parole che non volevi sentire arrivano, ti sfondano il torace con l'eleganza di un macellaio. Puoi ruttare quanto vuoi, rimarranno lì, a pesarti sullo stomaco.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Domiziana Gigliotti il 23/12/2013 14:00
    Condivido il significato del testo ma non del tutto la terminologia con cui l'hai scritto. Il pensiero di Paola è veritiero e profondo "meglio una verità che una lunghissima bugia. Almeno ti sai regolare." Le bugie fanno molto, molto male...
    Auguri di buon Natale.
  • Anonimo il 22/12/2013 14:44
    L'educazione non è di casa. Perchè occorre ingoiare tutto, dimostrando di avere uno stomaco forte... e sopportare.
    Sono d'accordo con te.

12 commenti:

  • Anonimo il 26/12/2013 11:53
    Esimio Linguanti,
    riconosco che lei ammette l'esistenza delle due forme verbali e del sostantivo che ne deriva e che ha voluto far notare la sua presunzione culturale nel coniugare modi e tempi. Potrei completare l'elenco con modi e tempi restanti per non essere da meno di lei, ma non voglio stupirla nè voglio disorientarla.
    Il mio nick è di prima mano, non dubiti.
    Mi auguro che lei non faccia la fine del povero Polonio...
    Non rido però delle disgrazie altrui...
  • Anonimo il 22/12/2013 18:53
    Salvatore, lascia stare, si sarà persa la pace in questo sito con nuovi " avventi "
  • Anonimo il 22/12/2013 16:17
    Gentile, preparata ed educata Ofelia, il mio commento ha senso eccome, anche con una sola "r" di scoreggia. Forse è la delusione d'amore per qualcuno, come lo fu per Amleto, che le confonde un po' le idee. Siccome capisco queste cose, non voglio essere io a risponderle, con la mia pochezza culturale che non uguaglia certamente la sua grande presunzione, ma lascio che, a farlo, sia il dizionario Gabrielli:
    scoreggiare
    [sco-reg-già-re]
    o scorreggiare, pop. scureggiàre
    (scoréggio, -gi, scoréggiano; scoreggerò; scoreggerèi;scoreggiànte; scoreggiàto)
    v. intr. (aus. avere)
    volg. Fare scoregge

    Spero che il dizionario si sia espresso abbastanza chiaramente per essere compreso, anche dalle persone colte e preparate, come lei.

    Piuttosto, mi complimento per il nick Ofelia, ch'è tutto un programma. Dietro Ofelia si potrebbero celare molti altri nick passati, presenti e futuri. Stia all'erta perché Ofelia, almeno nella tragedia, non è che abbia avuto molte soddisfazioni... hahahahahaha!
  • Anonimo il 22/12/2013 15:57
    Queste cose accadono, soprattiutto, se ti dicono in faccia la verità, una verità che fa male, ma c'è modo e modo di dirla, ovvio. Ma meglio una verità che una lunghissima bugia. Almeno ti sai regolare.
    Se le cose sono dette per pura cattiveria, è un altro discorso... la persona che te l'ha detta è semplicemente cattiva, o invidiosa... da tenere lontana.
    Mi hai dato uno spunto di riflessione.
  • Anonimo il 22/12/2013 14:47
    "Scorreggiare" con due r, signor Linguanti. Se no, non avrebbe senso la forza del suo messaggio. Non è vero?
  • Mary il 22/12/2013 14:02
    effettivamente, è una buona osservazione. credo che la scelta sia ricaduta su digestione, poiché avevo bisogno di credere che sarebbe potuta avvenire.
  • Anonimo il 22/12/2013 13:57
    Io l'avrei intitolata indigestione.
  • Mary il 22/12/2013 13:42
    grazie, felice che tu abbia apprezzato
  • augusta il 22/12/2013 10:37
    ottima brava 1 beso
  • Mary il 21/12/2013 23:55
    godo di un'ottima regolarità intestinale, ma grazie dell'interessamento.
  • Giuseppe Bellanca il 21/12/2013 22:09
    mangia limone toglie tutta l'acidità
  • Anonimo il 21/12/2013 21:48
    Hai provato a scoreggiare?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0