PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'avaro (proverbio e osservazione)

"L'avaro non dorme". (Veglia escogitando... o per timore d'esser derubato di quanto lui stesso ha sgraffignato con truccati e spudorati artifizi).

 

4
5 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 21/01/2014 12:06
    Geniale descrizione di un avaro, malato di avidità ed incapace di vivere, con un pizzico di ironia e che strappa un sorriso.
  • Anonimo il 15/01/2014 21:54
    L'avarizia e la totale mancanza di sentimenti... bravissimo!!
  • loretta margherita citarei il 15/01/2014 17:23
    ben lo sapeva Moliere, con il suo arpagone, bravo rocco!
  • Anonimo il 15/01/2014 11:07
    L'avaro crede solo ai soldi, pensa giorno e notte, sempre e solo ai soldi e al modo come fare a difenderli e ad incrementarli. Quando parla, parla solo e sempre degli affari, persino quando sta a tavola a mangiare.
    Ottimo Rocco!
  • Anonimo il 15/01/2014 10:25
    L'avaro non vive...

5 commenti:

  • Maria Teresa il 17/01/2014 16:27
    Che brutta cosa l'avarizia si porta dietro anche durezza d'animo e mancanza di sentimenti veri.
    È sempre un piacere leggere i tuoi scritti, caro Rocco.
  • Anonimo il 15/01/2014 20:20
    L'avaro vive molto male, amico poeta. Applaudo al suo pensiero.
  • Ugo Mastrogiovanni il 15/01/2014 17:53
    "l'avaro ha venale fin l'anima" scriveva il Tommaseo, ma tu sei andato molto più in fondo.
  • Anonimo il 15/01/2014 15:48
    Se è vero quello che dici allora io sono immune dall'avarizia... a letto alle 10, al più tardi e sveglia alle 6 e 30... dormo anche in terra... ma per davvero, non è una metafora... ecco un ricordo della Grecia... pronto un racconto in cinque righe... ahahahah... grazie, ciaociao.
  • Vincenzo Capitanucci il 15/01/2014 12:52
    L'Arpagone.. come un arpione.. veglia... di nouvi abbordaggi sogna... e teme senza fine di essere ripagato con la stessa avara moneta..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0