PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'abbaiar (proverbio e osservazione)

"Can che abbaia non morde". (Se 'nzuppa ri calzoni... perché innanzi ha 'no stronzo armato che re toglie pure ra ciotola der latte).

 

3
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/01/2014 19:50
    Apprezzata riflessione complimenti bravissimo!!!
  • Anonimo il 16/01/2014 10:41
    Caro Rocco, come pensionato, prendo a prestito il commento di Vincenzo e aggiungo che il cane morde eccome, finché ha i denti, ma dopo, ha voglia d'abbaiare, tanto non lo sente più nessuno, anzi richia di prendere pure qualche calcio sulle gengive o sulle palle!
    Grande Rocco!

4 commenti:

  • Anonimo il 17/01/2014 08:22
    bei commenti... meritati ai quali mi associo e bravo anche il vernacolo baci... je dai sotto...
  • Anonimo il 16/01/2014 12:58
    Oggi è tutto un abbaiar di cani. Proverbiale aforisma.
  • loretta margherita citarei il 16/01/2014 11:25
    gli arroganti e i prepotenti di solito abbaiano, ma anche per loro la vecchiaia arriva, perdono i denti x azzannare e si limitano ad abbaiare, originale rocco

    uno può sentirsi forte, ma un bel giorno incontra chi è più forte di lui...
  • Vincenzo Capitanucci il 16/01/2014 09:43
    ma Michele.. non so che dirti... mi ha fatto pensare ai pensionati... che non hanno neanche più denti per mordere..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0