accedi   |   crea nuovo account

Il passsato

Cos'e' il passato? È storia reale? Un ricordo sfumato e' veridico? E se si accusa o scusa la propria coscienza, o quella altrui, continuando a nutrire rancori o amori finiti del passato, ha un senso? Se questo fa soffrire se stessi e gli altri perche' palesemente o subdolamente rinfacciato, ha un valore? Penso che il passato, e la sua realtà, vaghi in qualche strato dimensionale e cio' che ne rimane e' il nostro cuore, che esprime e vive il presente, ma, neppure esso e' testimone verace e inconfutabile di cio' che e' stato. Lasciamo soltanto una traccia e mille interpretazioni, ma la nostra vera storia inizia con il sorgere del sole e si conclude con il suo tramonto, accompagnati dall'intrinseco pensiero che cio' si ripeta all'infinito...

 

3
3 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 28/12/2014 11:42
    il passato credo sia la nostra storia, il cammino per arrivare ad oggi e comunque non credo possa esserci presente senza un passato
  • Vincenzo Capitanucci il 07/05/2014 05:58
    il passato ci aiuta a capire certi fatti del presente... ma ci può anche togliere tantissima libertà... con ricordi e rancori..
    ...
    si sarebbe bello Teresa.. nascere ogni giorno.. vergini nel sole.. ripetendoci d'infinito all'infinito...
  • Anonimo il 30/04/2014 19:01
    A volte, è quasi impossibile dimenticare il passato... soprattutto quando ci ha segnato profondamente... basta un minimo particolare, per ricordare quell'avvenimento, che tanto ci ha colpito...
    È utile ricordare il passato per non rifare gli stessi errori e per maturare...
    È bello ricordare cose piacevoli del nostro vissuto... ma mai rimpiangere quello che è stato, così facendo, non apprezzeremmo il nostro presente che puo' essere altrettanto bello...
    È difficile dimenticare i torti subiti, come è difficile perdonare... dipende se il torto subito era voluto o no... a volte si sbaglia nella vita, sbagliamo tutti, e spesso gli errori ci aiutano a crescere. Ma i torti subiti per cattiveria, per invidia e altro, non fanno altro che allontanarci dagli altri.
    I rancori nuocciono all'altro, ma soprattutto a se stesso... vengono fuori tutte le brutture dell'animo, viene la voglia di vendicarsi... si arriva persinoa odiare...
    Il nostro passato puo' arrichirci o distruggerci, tutto... dipende da noi.
  • Rocco Michele LETTINI il 30/04/2014 16:46
    IL PASSATO? UN LIBRO CHIUSO PER DIMENTICARE IL SOFFERTO E MIGLIORARSI NE L'ODIERNO! LA VITA SCORRE TRA UN SORGERE DEL SOLE E UN TRAMONTO...
  • Anonimo il 30/04/2014 13:58
    Il passato è il sentiero che abbiamo percorso per arrivare al momento attuale. Un sentiero in cui è dipeso, da noi, stupire per la natura e per le cose belle incontrate o rimanere sconcertati e impauriti dalle brutture che vediamo o che vogliamo vedere, spesso ad ogni costo, di cui possiamo esserne stati noi stessi la causa.
    Di solito, le cose brutte vengono rimosse e si ricordano soltanto le cose belle, perché su di esse si costruisce l'esistenza futura, pur senza ignorare la realtà negativa.
    Chi, invece, rimane ancorato alle negatività del passato e continua ad alimentarle, probabilmente, ne è talmente condizionato che non riesce a vedere alcun orizzonte in fondo al sentiero.

3 commenti:

  • Fabio Mancini il 07/06/2014 10:04
    Una traccia (o una realtà mille interpretazioni. Solo Dio non da' interpretazioni, perché Egli sa in profondità. Un sorriso, Fabio.
  • Teresa Pisano il 30/04/2014 18:48
    È molto interessante cio' che avete scritto, veramente piacevole questo scambio di pensiero e opinione. Un caro saluto
  • Gianni Spadavecchia il 30/04/2014 16:37
    Ogni giorno iniziamo e terminiamo una piccola storia da raccogliere nel libro della vita.
    Il passato? Due lancette che scandiscono il tempo vissuto.