PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il cane e il gatto

Essere fedele rende guardiano del padrone. Essere furbo rende pupillo del padrone. Il cane alla porta, il gatto in casa... insomma.

 

1
4 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • loretta margherita citarei il 08/05/2014 14:43
    bella similitudine bravo rocco
  • Anonimo il 08/05/2014 12:45
    Ottimo Rocco, il cane, in qualche modo rappresenta l'uomo come vera essenza umana; il gatto, rappresenta l'uomo, come sovrastruttura di opportunismo.
  • Anonimo il 08/05/2014 11:48
    Un esame introspettivo nell'animo dei nostri amici migliori domestici (ma io preferisco il cane sicuramente meno ipocrita con il proprio padrone anche se c'è un vecchio detto che suona "neppure il cane muove la coda per nulla".
  • Vincenzo Capitanucci il 08/05/2014 11:24
    fedeltà e furbizia... ama il Buon Dio... se il cane caccia i ladri dal tempio... il gatto.. scopre il topo in casa...
  • Auro Lezzi il 08/05/2014 10:55
    Bhè almeno il cane è libero...

4 commenti:

  • Sandra Checcarelli il 16/05/2014 20:24
    Carinissimo questo tuo vero paragone!!!!
    Complimenti!
  • Teresa Pisano il 08/05/2014 20:35
    Si può scegliere... e magari essere cauti come serpenti e innocenti come colombe...
  • Anonimo il 08/05/2014 13:48
    Aforisma pienamente condiviso nel significativo e metaforico comportamento dei due animali domestici, differenti tra loro, specie nella natura peculiare che, proprio, li contraddistingue. Pubblicazione piaciuta molto!
  • Maria Teresa il 08/05/2014 12:21
    Simpatico e veritiero, questo tuo pensiero, caro Rocco.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0