PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Miracoli minori

Il miracolo più grande della fede è che riesce a far sembrare faticosa la voglia di conoscere...

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Auro Lezzi il 20/05/2014 11:11
    Bhèèè... Personalmente non credo ai miracoli... Quelli che ci propinano spesso sono sempre poco chiari... Miracoli di serie B... Un bel miracolone di serie a sarà sempre difficile da mostrare.

4 commenti:

  • massimo vaj il 20/05/2014 12:51
    @ Augusta: l'intelligenza è la capacità che ha un essere di indagare e approfondire la conoscenza delle cause che determinano i loro effetti. L'intelligenza ha molti lati dai quali poter essere considerata, e non tutti sono egualmente sviluppati, ma essa procede da una propria causa, così si deve dire che ogni intelligenza individuale e soggettiva è il risultato personale di un'Intelligenza più grande che l'ha prodotta, e della quale la nostra intelligenza è figlia. Il modo personale di vedere le cose è chiamato "punto di vista", perché sulla circonferenza della realtà, intesa simbolicamente come fosse un cerchio, il modo di vedere le cose si trova a essere in un punto che ha, necessariamente, un punto opposto altrettanto vero che guarda la stessa realtà centrale, vedendola però in aspetti che la nostra limitata visuale non può cogliere, ma ignora quelli che vediamo noi. C'è un punto, però, che non è propriamente un punto di vista, perché vede la realtà non dalla circonferenza superficiale, ma dalla sua profonda centralità. Ecco il punto nel quale si trova l'Intelligenza universale che è madre di quella individuale. Dovere e compito di ogni intelligenza individuale è quello di sovrapporsi al centro della realtà, così da poterla osservare, dal suo interno, nelle sue ragioni essenziali d'essere che costituiscono anche i suoi princìpi universalmente applicabili, i quali sono le leggi fisse della realtà manifestata. Gi uomini che sono in grado di vedere la verità dal suo centro sono chiamati prima "risvegliati", e dopo tanta fatica e sacrificio... possono diventare quelli che l'umanità chiama "Illuminati" dallo Spirito che è assoluto.
  • augusta il 20/05/2014 12:00
    scusami ma i tuoi commenti o riflessioni puntano sempre sull'intelligenza ma tu con che metro misuri l'intelligenza ognuno di noi ne possiede una..è sempre il modo di vedere le cose.. di valutarle in base al nostro pensiero... 1 beso
  • massimo vaj il 20/05/2014 11:32
    Non è importante il credere, come non lo è il non credere e neppure il miracolo è importante per chi non lo ha vissuto. Che importa è il saper riconoscere i limiti del proprio comprendere, perché sono gli stessi che ha la nostra intelligenza. Poi occorrerà anche fare qualcosa per tentare di superarli...
  • Vincenzo Capitanucci il 20/05/2014 09:26
    e su questo miracolo tra un campanile ed un altro... la fede... campa...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0