PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Leggere

Leggere nell'intelligenza di una persona è un tesoro accumulato (perla adornante). Leggere ne la sua idiozia è uno sconquasso difficile da controllare (lacerazione deturpante).

 

3
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 30/05/2014 12:20
    Non condivido con Linguanti e non apprezzo l'accordo della Collura, ma ammiro e stimo il tuo pensiero.
  • Anonimo il 29/05/2014 17:25
    Ottimo Michele! Sono d'accordo con Salvatore!
  • Francesco Andrea Maiello il 29/05/2014 16:53
    Molto veritiera Michele, anche perché i tesori sono sempre più difficili da trovare!
  • Anonimo il 29/05/2014 10:51
    Se poi consideri che tanti non sanno leggere e tantissimi sono pure gli idioti, lo sconquasso sarà peggio d'una rottura di casso.
    Ottimo Rocco!

4 commenti:

  • Anonimo il 01/06/2014 10:34
    quello che mi attira in una person é la sua intelligenza ed il suo sapere... dal quale si può attingere ed imparare, per il resto rocco se nasci idiota rimani idiota non c'é nulla da fare... un bacio amico caro
  • Teresa Pisano il 29/05/2014 22:04
    Credo che leggere nell'idiozia (altrui)sia molto semplice, alla portata di tutti, soprattutto si tratta lettura diffusa, ma c'e' chi la evita a causa dell'effetto sconquassante!
    Leggere nell'intelligenza (altrui) e' più' difficile, si tratta di lettura di nicchia, non e' per tutti, generalmente lo fanno i "ricchi"...
  • karen tognini il 29/05/2014 13:15
    Effetto sconquassante riuscito... bravo bravo!
  • Vincenzo Capitanucci il 29/05/2014 08:23
    Ottimo Michele... l'ho letto.. anche... mettendo al posto della parola persona... la parola mondo... per aver ancor più un effetto sconquassante..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0