accedi   |   crea nuovo account

Celebrazioni strane

Non mi sono chiare le ragioni per le quali una Repubblica, come è quella italiana che è stata fondata sul lavoro, a ogni suo compleanno faccia sfilare i carri armati invece dei disoccupati...

 

4
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • massimo vaj il 03/06/2014 07:28
    Bella considerazione, Nicola, quella sui carri armati emigrati all'estero, solo che nella loro migrazione il lavoro lo portano, non lo tolgono... Sul comandare non mi sembra sia il caso di esprimere giudizi che rimpolpino negatività scontate, perché uno Stato non dovrebbe comandare, ma far rispettare le leggi e distribuire equamente le risorse pubbliche.
    @ Vincent ricordo che a condurre i carri armati sono già dei disoccupati, quando va bene...
  • vincent corbo il 03/06/2014 06:24
    e se a sfilare fossero i disoccupati sui carri armati?
  • Nicola Saracino il 02/06/2014 23:46
    Anche sulla democrazia, poi... ti dirò che è meno peggio far comandare chi compra i voti che chi li vende o chi li pretende senza ragione.
  • Nicola Saracino il 02/06/2014 23:36
    Bah... che sono i carri armati? Disoccupati. Emigrati all'estero. Massimo, ti sfuggono le verità banali.
  • Nicola Lo Conte il 02/06/2014 20:06
    Tristissima e amara constatazione!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 02/06/2014 16:53
    Vuol far vedere quanto ha grosso il pisello... ma è veramente piccolo.. non è neanche atomico... ahahahahah...
  • massimo vaj il 02/06/2014 16:07
    In realtà la vera democrazia è basata anch'essa su princìpi che non sono corretti, perché assegna la ragione alla maggioranza che è stabilita dal valore unico che è quantitativo e non qualitativo. A questo deve essere aggiunto che i voti sono scambiati venduti e comprati sempre dalle persone ricche. Alla fine questo costituisce il segno dei tempi degradati che stiamo sperimentando vivendone la corruzione. La democrazia è sempre stata una truffa, vera o falsa che sia, ma quella falsa è, con esagerata evidenza, ancora più truffaldina.
    Se in una stanza ci sono dieci persone comanderanno "democraticamente" i rappresentanti della maggioranza degli individui che si sono venduti.
  • Teresa Pisano il 02/06/2014 14:26
    Io, invece, non capisco il senso, di continuare a festeggiare il compleanno di ciò che e'morto.. perche', a mio modesto parere, il principio della democrazia, sul quale si fondo' la Repubblica, non c'e' più'...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0