accedi   |   crea nuovo account

La conoscenza dell'altro

Mi è sufficiente un attimo, la lettura di una sola frase e conosco la natura dell'animo e le capacità dell'intelligenza di chi quella frase ha scritto, ma se quella persona l'ho davanti a me, non occorre neppure che essa parli. Se l'ho dietro mi preoccupo ancora di più...

 

0
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Auro Lezzi il 10/06/2014 06:59
    Anche questo è un flash...

7 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 11/06/2014 20:20
    il mio livore è grande come una formica paragonato al tuo. Continui ad affannarti nel tentativo di farmi irritare almeno un decimo di quanto lo sia tu, così da impedirmi di mettere a nudo tutte le tue debolezze ogni qual volta tenti di pavoneggiarti con me
  • massimo vaj il 11/06/2014 19:04
    Caro il mio intellettualmente modesto Luigi, dalla tua frase è facile dedurre che sei una persona che, avendo avuto la possibilità di mettere in discussione il fatto che sia possibile, attraverso una sola frase, capire a fondo la personalità di chi l'ha scritta, ha scelto, invece, di interpretare la cosa dandole il senso più insignificante possibile, accusando l'interlocutore di volersi mettere in mostra; accusa generica e non comprovabile, adatta a chiunque esponga il proprio pensiero. Più intelligente sarebbe stato dire che sia impossibile dedurre tanto da così poco, ma l'intelligenza, quando è offuscata dal livore come è quello che ti sta tormentando... latita...
  • Luigi Lucantoni il 11/06/2014 16:32
    chi sostiene d'intuire tutto di qualcun altro da una sola frase dimostra solo di volersi mettere in mostra al fine di esorcizzare le proprie frustrazioni personali
  • Stanislao Mounlisky il 10/06/2014 12:25
    caustica la fine, bella perché discordante da ciò che precede
  • massimo vaj il 10/06/2014 11:37
    Il mio intuire è sintetico e non ha ragioni per perdersi nei meandri del pensiero analitico; a quest'ultimo affida esclusivamente il compito di degradare la qualità delle intuizioni avute...
  • vincent corbo il 10/06/2014 11:19
    Io non sarei così sicuro... tu pensa che in passato uno scrittore molto bravo presente nel sito inventò di punto in bianco un personaggio femminile meraviglioso e tutti (o almeno la maggior parte) credevano sulla sua veridicità finchè poi s'è svelato l'arcano.
  • Teresa Pisano il 10/06/2014 07:33
    Anche io ho questa capacità, ma non me ne preoccupo..
    Finita la lettura, se non mi piace, chiudo il libro
    E ignoro chi mi sta alle spalle... perche' sono un'insicura!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0