username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'invidia e la gelosia

Non si dovrebbe mai essere invidiosi di qualcuno solo perché questi è intelligente, bello, affascinante e nel suo essere povero non gli manca altro che... beh, adesso non mi viene in mente niente, ma ieri mi mancava poco e finivo giù da una scarpata per colpa delle maledizioni che tutti quelli che mi conoscono mi inviano, e coloro che tentano di ignorarmi su questo sito mi ululano addosso rabbiosi, solo perché quello che scrivo non è alla loro portata di comprensione. Figuriamoci cosa farebbero se lo capissero... :D

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/06/2014 08:03
    Quando ci interroghiamo su ciò che non capiamo è perchè siamo prossimi alla comprensione. Lei è sicuramente superiore a me e ad altri che si sforzano di capirla. Può insegnarci molto.
    Finuccia

11 commenti:

  • AlfaCentauri il 19/06/2014 15:36
    ... mi sembra che massimo, da subito, stia parlando di due tipi di intelligenza.
    vediamo se ho capito! PREMETTO di essere ignorante in materia e di aver avuto sempre poco tempo per saperne di più ma la faccenda è davvero affascinante... E PER NIENTE NOIOSA
    per capire, oltre ad aver letto qualcosa di massimo, qui e altrove... sono andata nel web ed ho trovato questo:

    All'intelligenza individuale sta il compito di immagazzinare informazioni e fornirle all'intelligenza universale, unica - tra le due intelligenze - a sapere e poter rielaborare le informazioni.
    È un po' il micro schema rappresentato - nell'uomo - dai sensi (intelligenza locale o individuale) e dal cervello (intelligenza universale), che raccoglie i dati inviati dalla periferia, per rielaborarli e fornire la risposta adeguata. Risposta che viene messa in atto dagli arti e, quindi, dalle intelligenze individuali.

    Detto con le parole di un maestro spirituale cui sono molto affezionato, verrebbe qualcosa come:

    L'illusione suprema dell'uomo è la sua convinzione di poter fare.
    Tutti pensano di poter fare, ma nessuno fa niente.
    Tutto accade.

    PRESO DA
    http://www. lematpercorsi. com/2013/06/immaginazione-intelligenza-e-coscienza-la-via-del-fare/

    @ massimo
    grazie!
  • vincent corbo il 19/06/2014 13:26
    Non penso che la tua (presunta) intelligenza possa suscitare delle invidie perché tu non fai altro che cercare di trasmettere il tuo pensiero (vedi la tua risposta a Finuccia qui sotto). Sono dei concetti che a me interessano e affascinano ma credo che per la maggior parte delle persone possano risultare pesanti e quando qualcuno è pesante (anche nella sua intelligenza o cultura) credo non susciti invidia. Mi posso anche sbagliare. Devo aggiungere che tu non ti senti intelligente (come hai confermato a Finuccia) più degli altri e questo lo avevo compreso. Penso che l'irritazione degli altri nei tuoi confronti sia dovuta al modo in cui esprimi i tuoi giudizi. Ribadisco, mi posso anche sbagliare, questo è solo il mio pensiero.
  • massimo vaj il 19/06/2014 12:57
    Non basta dire "non penso sia il tuo caso" devi spiegare perché non lo pensi. Qui non siamo all'asilo, ci vogliono spiegazioni come quelle che do sempre io quando critico o giudico.
  • massimo vaj il 19/06/2014 12:17
    Non si tratta di superiorità Finuccia, perché il massimo che posso dire di me è che so scrivere, e non è una grande qualità, non lo è nei confronti del cosa si scrive. Io vivo una condizione molto particolare che mi mette sotto una luce ambigua. Il sapere che espongo, illustrandone aspetti diversi in dipendenza delle differenti questioni che occasionalmente si presentano, non è mio, come non lo è l'intelligenza dalla quale vedo e successivamente considero ciò che ho visto. L'intelligenza che, invece, mi appartiene è quella individuale che tutti hanno e non è speciale, forse è soltanto un po' originale, lo ammetto, ma non è superiore alla media delle intelligenze del pianeta. Le verità che vedo senza che questo vedere sia mediato dal pensiero le vedo come si vedrebbe un panorama, e nessuno che osservi un orizzonte potrebbe dire che ne è diventato proprietario solo perché lo ha visto. Ora la scelta che mi si pone implica che io debba tacere sulle realtà viste o che le descriva per quanto è possibile dire di esse. La maggior parte degli individui che, come me, vedono quello che vedo io, tacciono, perché sanno che parlarne non migliorerebbe la loro condizione né quella di chi ascoltasse quelle parole, e hanno ragione. Io racconto nella convinzione che dovesse essere capita da qualcuno anche una sola piccola cosa tra quelle che scrivo, il mio scrivere non sarebbe stato inutile. Lo so che il prezzo da pagare è il dover sbattere contro l'idiozia generalizzata di chi crede di essere ciò che non è, ma qui non c'è di mezzo il mio ego, perché chi ridesse di quello che scrivo non riderebbe di me, ma del Cielo.
  • vincent corbo il 19/06/2014 12:06
    Non mi sono schierato con nessuno, cerco solo di dare un mio parere che potrebbe essere sbagliato. È vero che la bellezza e l'intelligenza possano suscitare invidia ma non penso sia il tuo caso.
  • massimo vaj il 19/06/2014 11:29
    Irritazione per cosa Vincent? Che importanza potrebbe avere che un qualsiasi cretino si auto incensi? Per me tu potresti anche spolverarti di diamanti, ma quello che sei rimane lì, a far ridere. Irritazione per le cose che scrivo, forse? Nessuno è costretto a leggerle. No Vincent... qui come quasi ovunque si respira aria di combattimenti tra polli e quando entra un gallo l'irritazione da lì si disseta o, almeno, tenta di farlo. Non pigliamoci in giro, suvvia... Tu ti sei schierato con la cagnara, e questo è un problema tuo che non sarà facile giustificare ai tuoi stessi occhi. Dovrai chiederti il perché, oggi o domani, se non lo sai già... Stammi bene...
  • AlfaCentauri il 19/06/2014 09:49
    ciao massimo
    spero vivamente tu nn sia rotolato in qualche burrone.
    fregatene di ciò che dicono, sopratt QUI ; basato sul sentito dire, su mancati complimenti che nn hai fatto perché NN SEI IPOCRITA...
    INSOMMA... PER ME, le discussioni che hai avuto... nn sono altro che la conferma di quanto ho sempre asserito, da più di un anno...
    In questo sito regna il clan dei complimentosi e degli ipocriti; se nn gli scrivi ciò che vogliono leggere... fanno di tt per stancarti, con le offese, per farti uscire dal sito.
    io li ho sempre combattuti e sono fiera di me!

    SO CHE LO SEI ANCHE TU

    CIAO!

    ps
    a voi del clan... scrivete pure quello che vi pare, ora, su di me! MA STATE CERTI CHE APPENA LO LEGGO VE LO RIMBALZO ADDOSSO! CON GLI INTERESSI!!!
    aggiungendolo a ciò che ho già avviato...
  • vincent corbo il 19/06/2014 05:47
    Non credo sia invidia e forse neanche gelosia, ma irritazione. Qui nessuno è fesso, molti sono così furbi che riescono a capire benissimo.
  • AlfaCentauri il 18/06/2014 23:39
    per lo meno sei spudoratamente sincero!
  • massimo vaj il 18/06/2014 22:18
    Umiltà e orgoglio sono due facce della falsità
  • bruno guidotti il 18/06/2014 21:45
    Beh, penso che un po te la sei tirata. Io ho letto le lodi che ti sei autofatto, io penso che tu abbia esagerato un pochino, io ti consiglierei di essere un po puù umile.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0