accedi   |   crea nuovo account

Già due danno fastidio, ma tre sono odiose e quattro addirittura insopportabili

Non faccio nulla per suscitare invidia nelle persone, e non è colpa mia se sono intelligente e bello, che sono poi due qualità che quando si tenta di nasconderle se ne aggiunge una terza, l'umiltà, e una quarta, la falsità, che rendono la situazione insopportabile per chi la subisce...

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 30/06/2014 11:45
    l'umiltà ti è talmente estranea, che quando la descrivi non puoi fare a meno di considerarla falsa e quindi non si tratta mai di umiltà autentica
  • massimo vaj il 30/06/2014 07:29
    L'umiltà è spesso una falsità di maniere e ha ragione d'essere solo nel caso si decida di essere umili al cospetto di Dio e della Verità universale che esso rappresenta, oppure quando non si vuole far pesare la propria superiorità a coloro che ne sarebbero feriti. Se il Cristo fosse stato umile non sarebbe finito sulla croce e non avrebbe fatto miracoli, anche se ha sempre dichiarato di essere un tramite dalla volontà di Dio. Io sono umile, anche se può non sembrarlo, perché le mie possibilità travalicano di molto ciò che mostro di me, ed evito di stupire facendo miracoli. L'ultimo che ho fatto mi costringe a tutt'oggi a zoppicare perché ho colpito il mio piede.
  • Luigi Lucantoni il 30/06/2014 00:26
    L'umiltà è la virtù più difficile da conquistare; niente di più duro a morire del desiderio di pensar bene di sé stessi. (Thomas Stearns Eliot)

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0