accedi   |   crea nuovo account

Intelligenza ed emozione

L'intelligenza non deve dominare le emozioni, deve solo riconoscerne l'insensatezza, quando queste mostrano di essere state suscitate da ragioni prive di dignità e di onore. Poi, sempre l'intelligenza, tenendo per mano la volontà, inchioderà il sentimento cattivo alla gravità che il peso delle proprie responsabilità comporta.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • massimo vaj il 02/07/2014 06:30
    No, la volontà regna in una sfera di realtà indipendente da quella che è dominio dell'intelligenza, e lo dimostra il fatto che si possono volere cose che l'intelligenza rigetta. Anche il sentimento appartiene a un'ulteriore e diversa sfera di realtà, per questo è detto che l'amore sia cieco. L'intelligenza è superiore a tutte le altre realtà perché ne costituisce la causa. La prima cosa nata nell'universo è proprio l'intelligenza universale. Senza di essa l'universo sarebbe equivalente all'agitarsi vano del piscio in un pitale.
  • bruno guidotti il 02/07/2014 06:06
    massimo, l'lntelligenza non puo' dominare le emozioni, le quali nascono a prescinderne l'esistenza' ma all'opposto nascono da una necessita' improvvisa che altrimenti comprometterebbe il giusto equilibrio dell'essere. Da cui la volonta' ha un dominio capacitivo di elevata importanza sull'intelligenza.
  • massimo vaj il 01/07/2014 19:48
    Ma chi crede di essere questo qua, un sapientone?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0