accedi   |   crea nuovo account

Cosa è la vera umiltà

L'umiltà è la disposizione spirituale che impedisce di abbassare con noi le verità che ci superano.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • luca il 04/07/2014 14:40
    eh già... ma ormai l'umiltà sembra essere totalmente sparita...

57 commenti:

  • massimo vaj il 08/07/2014 07:43
    Più che intelligente ero coraggioso, se fossi stato davvero intelligente avrei taciuto, impegnandomi ad affrontare le sofferenze future.
  • vincent corbo il 08/07/2014 06:59
    Ci credo... con la tua intelligenza prodigiosa... certo ancora non si era espansa ai massimi livelli come adesso ma di sicuro dovevi possedere una "beautiful mind".
  • massimo vaj il 08/07/2014 06:42
    Quell'anno mi bocciarono a giugno in una sola materia: chimica, dandomi un 2 secco. Col tre si era rimandati a settembre. Il resto dei miei voti erano i più alti di tutta la scuola.
  • vincent corbo il 08/07/2014 06:17
    e bravo il preside monsignore... ecco perché poi scoppiò il sessantotto.
  • massimo vaj il 07/07/2014 18:41
    Alle superiori stavo in una sede distaccata da quella centrale, che trovandosi in affitto in una struttura della chiesa aveva un preside Monsignore. Correva l'anno 1968, e in una assemblea aperta anche ai genitori, che serviva a giustificare il sette in condotta comminato a tutta la mia classe, quel Preside mi zittì congelando la platea con queste parole:— Tu, Vaj, taci che sei una montagna di merda!—...
  • Luigi Lucantoni il 07/07/2014 17:05
    non temere non posso competere con te quanto a simpatia, in questo sono talmente scarso che addirittura diversi insegnanti mi hanno preso in simpatia, l'impresa di far bestemmiare il papa la lascio umilmente a te

    se ci fosse da fare un esame di sincerità e coerenza con un insegnante armato di mazza la barella dell'ambulanza è bene che la prenoti tu
  • massimo vaj il 07/07/2014 16:59
    Che c'entrano gli esami universitari? Quelli li si può anche passare solo perché gli insegnanti non ti vogliono più rivedere
  • Luigi Lucantoni il 07/07/2014 16:39
    proprio perché di esami ne ho fatti tanti so cosa comporta attenersi alle regole e non a giustificazioni fasulle
  • massimo vaj il 07/07/2014 12:09
    Non mangio cioccolato, ma ne mangiavo quando ero ragazzo e trovavo le banalità scritte su quei foglietti delle autentiche idiozie incapaci di lenire il male ai denti. Allora non te la senti di impostare un discorso serio attorno a ciò che ritieni essere una verità incontestabile? Fai conto di essere a un esame, nel quale il voto te lo darà un professore che sa maneggiare con efficacia la mazza da baseball...
  • Luigi Lucantoni il 07/07/2014 11:46
    comunque non sapevo di scrivere cose tanto simili a quelle stampate sui baci perugina, evidentemente tu ne hai mangiati ultimamente
  • Luigi Lucantoni il 07/07/2014 11:40
    ti ho già sbugiardato quando attribuisci a me capricci esclusivamente "tuoi". Le dimostrazioni si fanno nell'ambito della scienza non speculando come fai tu. Con la stessa presunzione potresti dimostrare di che colore sono i guanti di Babbo Natale
  • massimo vaj il 07/07/2014 11:32
    Ascolta Luigi, sbugiardami tu attraverso l'intelligenza di una qualsiasi tua verità che ritieni essere importante, e io ti dimostrerò, attraverso il mio intuito, la sua validità o inconsistenza. Smettila di comportarti come un bambino che fa i capricci perché non sa fare altro, e affidati all'esposizione di argomenti facendolo con intelligenza, se ne sei capace. Fai un'affermazione che sia per te indiscutibile e poi confrontati dialetticamente con quella che è la Conoscenza universale.
  • Luigi Lucantoni il 07/07/2014 11:14
    appena si evidenzia la tua paura di essere sbugiardato a livello individuale ritiri fuori verità universali di cui sei l'umile portavoce, solo uno sincero con se stesso potrebbe concedersi il vezzo di scherzare
  • massimo vaj il 07/07/2014 10:15
    Non vedo ragioni di giustificare ciò che dico, dal momento che quando affermo delle verità espongo anche il perché di quelle verità. Questo naturalmente se non sto scherzando...
  • Luigi Lucantoni il 06/07/2014 21:06
    le tue giustificazioni si reggono con lo sputo
  • massimo vaj il 06/07/2014 21:03
    Io non uso strategie, se i miei colpi bassi mancano il bersaglio... è solo perché avete i coglioni al posto della testa
  • Luigi Lucantoni il 06/07/2014 20:32
    evidentemente i tuoi colpi bassi sono totalmente inefficaci e hanno il solo effetto di farti apparire borioso, se vuoi sinceramente ottenere quanto asserisci dovresti cambiare strategia
  • massimo vaj il 06/07/2014 20:30
    Non si possono illuminare le persone, io do soltanto colpi bassi alle cretinerie di cui sono intrise.
  • Luigi Lucantoni il 06/07/2014 20:26
    gli unici pregiudizi che ho attengono a tutto ciò che esula dalle prove empiriche scientificamente documentate. Sembrava che fossi qui per illuminare un branco di poveri scemi pieni di sé e poi neghi di voler dare degli insegnamenti
  • massimo vaj il 06/07/2014 17:42
    Non sono un parcheggio di verità. La Verità io la vedo, ma esserne depositari indica l'avere dei doveri verso coloro che non la conoscono, e io doveri non ne ho, perché non sono stato investito dalla funzione d'insegnare alcunché. La verità non dove essere palese o, almeno, ciò che della verità si palesa è la superficie di ciò che tutti vedono, la punta dell'iceberg si può dire. Quello che io "vedo" sono i princìpi universali attraverso i quali tutte le verità sono ordinate tra loro gerarchicamente a partire dal principio primo, riflessione dell'Assoluto. È la tua intelligenza che ha il dovere di spingersi oltre scavalcando i pregiudizi che hanno eretto il muro che chiami orizzonte intellettuale.
  • Luigi Lucantoni il 06/07/2014 13:43
    di certo la mia autostima si è ripresa, chiunque si sentisse sgradevole inizierebbe a sentirsi adorabile appena ti conosce, per non parlare delle meraviglie di cui ti proclami depositario senza che siano mai palesate
  • massimo vaj il 06/07/2014 08:18
    Questa tua disposizione a farmi felice la considero l'unica qualità che hai
    Cominciavo a essere stanco di sollevarti il morale.
  • Luigi Lucantoni il 05/07/2014 21:21
    Di fronte agli sciocchi e agli imbecilli esiste un modo solo per rivelare la propria intelligenza: quello di non parlare con loro.
    (Arthur Schopenhauer)
  • Luigi Lucantoni il 05/07/2014 21:00
    neghi di essere borioso dopo aver negato di essere un genio e poi parli di esagerate altitudini capacità intellettuali, dovresti fornire una prova tangibile di una delle 3 affermazioni
  • massimo vaj il 05/07/2014 18:56
    Non sono borioso, Luigi, lo sembro soltanto, ma se tu conoscessi l'esagerata altitudine delle mie capacità intellettuali capiresti che quella che tu consideri boria, in realtà, è addirittura una sfacciata umiltà
  • massimo vaj il 05/07/2014 18:53
    Luigi si diverte a leggere le mie risposte, ed è persino disposto a farsi prendere in giro pur di sorridere un poco. Io ho questa dote strana, per la quale non sono stato ammazzato dai mafiosi del quartiere dove stavo, che consiste nel parlare chiaro però facendo sorridere, anche se indispongo. Quando frequentavo la scuola, però, i prof li imbestialivo tanto da essere stato bocciato a giugno, in una sola materia, chimica, con un secco 2.
  • vincent corbo il 05/07/2014 14:27
    è incredibile che una persona metta a repentaglio la propria vita in questo modo... però a quanto pare tu sei vivo e vegeto e anche la tua penna è alquanto affilata per cui... onore al merito!
  • Luigi Lucantoni il 05/07/2014 14:25
    purtroppo i tuoi massimo sono insulti doc, se fossero osservazioni veritiere non avrei i mezzi per mettere a nudo la tua boria e anche la tua goffagine nel tentare di celarti dietro giustificazioni intellettuali. Quando provi a descrivermi dimostri solo di ambire disperatamente a suscitare una rabbia che è impossibile io provi semplicemente perché non ho segreti. Tu invece ci tieni a nasconderti e ti guardi bene dallo smentire con i fatti le mie osservazioni, segno che a guardare dentro gli altri ci riesco molto meglio di te
  • massimo vaj il 05/07/2014 14:18
    La debolezza passa dopo quattro giorni di digiuno totale. Dopo già una decina di giorni di digiuno, però, non si può più toccare cibo, pena ritrovarsi al pronto soccorso. Terminato il digiuno occorrono dai dieci a i quindici giorni di reintegro alimentare, ed è quello il momento più pericoloso del digiunare.
  • vincent corbo il 05/07/2014 13:51
    L'unico digiuno l'ho fatto al servizio militare perché lì ci davano da mangiare roba schifosissima e mi nutrivo di merendine... però devo dire che c'erano momenti che non riuscivo nemmeno a camminare per la debolezza.
  • massimo vaj il 05/07/2014 13:22
    Dimenticavo di dire che la fame è presente solo per i primi tre o quattro giorni, dopo scompare. Occorre stare attenti a non entrare in quella che è chiamata inania, cioè quando l'organismo inizia a nutrirsi del sistema nervoso. Lì si muore e non c'è ritorno. Il campanello d'allarme per fortuna c'è, ed è rappresentato dall'improvvisa comparsa della fame.
  • massimo vaj il 05/07/2014 13:19
    Non lo pensavo nemmeno io e neppure la scienza credeva fosse possibile. Poi si sono accorti, dopo che gli esami clinici su due sopravvissuti di un incidente aereo sulle Ande, marito e moglie di un piccolo Cesna caduto nella neve alta, e ritrovati dopo cinquanta giorni senza che avessero nulla da mangiare, che il loro organismo era in perfetta salute. Ulteriori indagini hanno accertato che la carenza di zuccheri, dei quali abbiamo una scorta che non supera i due giorni, è sostituita dall'utilizzo delle scorie chetoniche, che nel digiuno si alzano notevolmente nel sangue, e che sono la base del velenoso acetone, dicevo che il corpo metabolizza queste scorie, trasformandole in un super carburante sostitutivo degli zuccheri. Ho digiunato anche per 72 giorni di fila e mai sono stato sovrappeso. Dopo ogni digiuno arrivo a pesare circa 60 chili, e faccio il contadino, quindi il lavoro che faccio è pesante, ma l'organismo quando si è già magri riduce la perdita di peso a circa due etti al giorno e a volte anche meno. I grassi possono perdere fino a un chilo e mezzo al giorno.
  • vincent corbo il 05/07/2014 12:30
    Non pensavo si potesse sopravvivere digiunando per due mesi di fila. Roba da Guinness.
  • massimo vaj il 05/07/2014 12:27
    Le frecciate, che non corrispondono a delle offese, le ho scagliate perché Luigi scrive cose totalmente prive di senso, scaricando le sue frustrazioni con una intelligenza che faticava già a reggersi in piedi da sola, ed era costretta a stare sulla comoda (sedia imbottita col buco in mezzo, utilizzata per stazionare a lungo sul cesso).
  • massimo vaj il 05/07/2014 11:53
    Io non insulto nessuno, semplicemente perché non ne ho bisogno, è sufficiente l'ironia, per la semplice ragione che chi ingaggia discussioni con me, per averlo fatto, dimostra di non essere molto dotato intellettivamente.
  • Luigi Lucantoni il 05/07/2014 11:51
    ti definisco un ragazzino capriccioso massimo con l'aggrevante sottintesa della tua età biologica, ammetto che anch'io divento una carogna, ma mai per umiliare qualcuno, solo per prendere a calci chi offende per primo
  • massimo vaj il 05/07/2014 11:51
    La foto dell'avatar di facebook l'ha scattata mia moglie dopo che avevo digiunato, bevendo solo acqua, per due mesi di fila. L'espressione soddisfatta dipende dall'esserci riuscito, cosa che se avessi dovuto scommetterci sopra mi sarei dato perdente 500 a 1. In due anni ho digiunato per 215 giorni, perché a me piace il trial e il motocross, e non posso superare i 65 chili. In più, nonostante io sia vegetariano da 40 anni e mangi solo la roba che coltivo, il digiuno è la miglior prevenzione conosciuta dagli angeli.
  • vincent corbo il 05/07/2014 11:47
    è vero Luigi, le prime frecce le ha scagliate Massimo, questo nessuno lo nega...
  • Luigi Lucantoni il 05/07/2014 11:41
    veramente nella tua foto facebook ci starebbe a pennello una nuvoletta con "sono trooooppo figo!"

    vincet dovresti rileggerti la cronologia di tutte le nostre discussioni, noteresti come i primi insulti avventati li abbia sputati massimo, le mie osservazioni sono venute di conseguenza. Se fossero insulti anche i miei vorrebe dire che offendo con epiteti ai quali nell'intimo non credo
  • massimo vaj il 05/07/2014 07:54
    La Verità, nella sua essenza è sempre una sola
  • vincent corbo il 05/07/2014 07:40
    Massimo, Massimo, anche tu sei una "sola"...(in tono scherzoso).
  • massimo vaj il 05/07/2014 07:18
    Luigi ha la sua pagina facebook, come l'ho io. Nella sua pagina si può notare il suo sguardo folle, mentre nella mia non si fatica a intravedere l'aureola che circonfonde uno sguardo che santifica, benedicendo tutto ciò che abbraccia
  • massimo vaj il 05/07/2014 07:13
    Luigi Lucantoni dice che non ho educazione, poi, sorvolando sul fatto che ho esattamente il doppio dei suoi anni, mi insulta, esibendo un'educazione degna dell'ultimo dei figli di una numerosa famiglia di delinquenti che scorrazzano in periferia pisciando sulle immagini sacre.
  • massimo vaj il 05/07/2014 07:09
    La vera onestà, di solito, è riconosciuta solo dai truffatori che ne approfittano. Sull'onestà di Luigi non mi pronuncio, perché essa è necessariamente la conseguenza della rigorosità attuativa della conoscenza da lui posseduta, dunque, anche se Luigi fosse onestissimo, si tratterebbe di un'onestà che sborda abbondantemente nella criminalità...
  • vincent corbo il 05/07/2014 07:06
    è durissimo ciò che affermi, Luigi. Anche tu sbagli (a meno che non sia un battibecco scherzoso) ad affermare delle cose così dure senza conoscere la persona.
  • Luigi Lucantoni il 04/07/2014 21:25
    No Nicola non è come dici tu
  • Luigi Lucantoni il 04/07/2014 21:02
    no massimo sei solo un povero ragazzino che non ha mai ricevuto l'educazione idonea a smettere di fare i capricci ogniqualvolta si sentiva ignorato. Ora che ti senti vecchio e frustrato dalla prospettiva di non poter dimostrare dal vivo alcunché alla società, bazzichi la rete a sfogare le tue frustrazioni su persone che non ti conoscono e che hanno così meno appigli per metterti di fronte a uno specchio onde ricordarti chi è il vero pallone gonfiato.
  • Nicola Saracino il 04/07/2014 20:05
    Luigi Lac e massimo vaj sono due onesti in buona fede, che non amano offendersi l'un altro se non allo scopo di inoculare la verità.
  • massimo vaj il 04/07/2014 18:38
    Refuso da correggere: che il loro pensato ha contraddetto
  • massimo vaj il 04/07/2014 18:35
    Quando affermo che il pensato di qualcuno è di un ordine simile a quello in cui la spazzatura si accumula in quel tipo di ordine ci infilo anche chi quel pensiero ha formulato, è automatico, ma mai escludo la possibilità che quel qualcuno possa scoprire l'orientamento che non ha mai avuto. Io non squalifico le persone, ma distruggo le loro convinzioni quando queste lo meritano, fornendo sempre la dettagliata spiegazione dei princìpi che il loro penato ha contraddetto. Sono un giustiziere che porta la propria armatura intellettuale in mezzo alle discariche affollate di gente stupida, che crede di essere intelligente solo perché fa meno di cinque errori ogni riga di stupidaggini che scrive.
  • massimo vaj il 04/07/2014 17:46
    Quella di salvo non è l'umiltà, ma la disposizione a far sentire gli altri dei soverchiatori
  • salvo ragonesi il 04/07/2014 17:07
    Non state a litigare. ve la dico io cos'è lumiltà . l'umiltà e mettersi sempre un gradino sotto agli altri. saluti. salvo
  • Luigi Lucantoni il 04/07/2014 16:23
    veramente di Wikipedia scelgo di citare solo quello che condivido, altrimenti potevo rifilarti aforismi che davano torto a me. La tua è una superbia intellettuale, lo dimostra il fatto che ti affretti a dare dell'inferiore a persone che non conosci a sufficienza.
  • massimo vaj il 04/07/2014 16:10
    Fai male a prendere per oro colato quello che leggi su wikipedia, Luigi. La superbia è data dal credere di essere, verso l'alto, ciò che non si è e, in questo, è esattamente il contrario dell'umiltà quando questa crede di essere, verso il basso, ciò che essa in realtà non è.
  • massimo vaj il 04/07/2014 16:05
    Eh già, io godo di immensi privilegi dati dal mio essere superbo, pensa che ogni volta che esco di casa una giovanetta mi chiede se è vero che ce l'ho grosso. Così, ogni volta, mi tocca far toccar loro il mio cronografo, quello che misura il tempo che mi rimane da vivere, tanto grosso da stringermi in una morsa entrambi i polsi...
    Per sorte, insieme alla perfetta conoscenza, è arrivata anche la capacità di schiacciare i miei detrattori senza che questi riescano a offendersi come vorrebbero
  • Luigi Lucantoni il 04/07/2014 15:53
    nessuno ti lincia qua, sei tu quello che insulta e offende chi non la pensa come te o che controbatte alle tue critiche così rispettose da commuovere.

    Con superbia si intende la volontà di conquistare per se stessi, con ogni mezzo, una posizione di privilegio sempre maggiore rispetto agli altri. Essi devono riconoscere e dimostrare di accettare la loro inferiorità correlata alla superiorità indiscutibile e schiacciante del superbo. (wikipedia)
  • massimo vaj il 04/07/2014 15:16
    L'umiltà è necessariamente individuale e il suo carattere, così come le sue ragioni d'essere, differiscono da persona a persona. Io sono umile, eppure tutti mi considerano superbo. Questo dipende dal fatto che la mia umiltà non è possibile misurarla quando non si conoscano esattamente quali possano essere le qualità che la mia intelligenza nasconde di sé. Per qualcuno l'umiltà è il modo di riconoscere la propria mediocrità ma, per me, è il modo per non essere linciato dopo aver detto soltanto due parole.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0