PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Feci ma che feci del mio fiorente giardino per non essermi destato

Il tenue destino dell'uomo è scivolato da un giardino di stelle a una testa costipata e a un crasso intestino prorompente

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Glauco Ballantini il 15/10/2014 11:52
    Lo scarico compierà infine il suo destino...
  • Rocco Michele LETTINI il 15/10/2014 07:26
    SEMPRE FANTASIOSO... E PREGNO DI CONFACENTE PERCEZIONE DI CRUDE REALTA' ORMAI... PROROMPENTI IN UNA QUOTIDIANITA' IN CONTINUO "NON DOLCE" DECLIVIO...

1 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 15/10/2014 22:00
    Via, stelle... stalle... sopra... sotto...
    tutto è uno

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0