accedi   |   crea nuovo account

Pietre di caglio

... lapidare non ha mai salvato nessuno... uccide soltanto il cuore di chi scaglia e inacidisce l'anima di chi vi assiste...

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Una regola fondamentale per il buon andamento di un sito è mai fare riferimento ad un altro utente nelle proprie opere e quando si commenta si giudica l'opera a livello letterario... e mai l'autore..


3
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 01/03/2015 11:54
    Grandioso aforisma Vincè... Dai tuoi pensieri... l'intenso.

8 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 02/03/2015 16:22
    l'anonimo sono io, Stanislao Mounlisky
  • Anonimo il 02/03/2015 16:21
    aforisma quasi poetico nel titolo e saggio nel contenuto si svela a sorpresa nella nota un cicchettone... evvai!
  • Giuseppe Bellanca il 01/03/2015 12:42
    Ottimo pensiero ben compensato da una nota intelligente.
    Come sempre bravo. Ciao Vincenzo.
  • Anonimo il 01/03/2015 12:03
    Da oggi non pubblico più... faccio solo il demolitore... chi cojo cojo... fanculo a tutti.
  • Anonimo il 01/03/2015 12:02
    ah sì... leggo ora la nota... perché non l'hai detto quattro anni fa o cinque anche ai due dell'ave Maria che se la prendevano con Elisa Durante venendo a raccontarci i loro affari di sesso... quello cos'era, bob ton?... e a Rocco voglio dire una volta per tutte: vai a fare il leccaculo su oggiscrivo...è un lavoro che ti riesce bene.
  • Anonimo il 01/03/2015 09:53
    una frase ad effetto che è come dire: nessuno ha il diritto di uccidere... ma la sostanza quale è?... chi lapida chi?... chi si difende cercando di fermare un barbaro distruttore è uno che lapida?... guarda che il barbaro mi ha fatto allontanare con il suo potere di Boss anche dall'altro sito... ma tu ragioni o spari sentenze?... dimmi chiaramente: chi è che lapida chi?
  • Tore Martino il 01/03/2015 08:46
    Il tuo aforisma lo considero un po' a doppio taglio e ti spiego il perchè, se il lapida tore fosse innocente da colpe allora si addice al tuo detto, però molto spesso a me suona nell'orecchio la frase biblica "chi è senza peccato scagli la prima pietra" adesso capisco la tua metafora ma questa strada è bruciata per alcuni che hanno perso il terrenoe non possono ritrovare la strada perchè non sono degni nemmeno di appartenere all'essere umano - Namastè -
  • mariateresa morry il 01/03/2015 08:02
    Vicenzo, quando uno è il lapidatore è già morto nel momento che tiene la pietra in mano.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0