PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Città

Una città è, sopra ogni cosa, ciò che ignoriamo di essa, gli infiniti luoghi dove non siamo, le sue anime celate.

 

2
4 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 09/05/2015 09:26
    vero... la città è la nostra creatura più bella... ma anche la più mostruosa
  • Vincenzo Capitanucci il 08/05/2015 17:39
    La città ed i suoi misteri.. come i nostri.. infiniti luoghi dove non siamo.. altro ... che anime celate.. Frase meravigliosa..
  • Nicola Lo Conte il 27/04/2015 21:03
    La città è anche il luogo degli Invisibili...
  • Anonimo il 24/04/2015 16:51
    Sì, credo anch'io che sia così, anche per lo strano modo di vivere le città del giorno d'oggi visto che la paura la fa da padrona e non si vive più con libertà la città nelle sue ore magiche e nei suoi meandri. va da sé che resterà luogo misterioso abitato da genti misteriose... la vita di paese è diversa, ma nemmeno tanto. Un saluto
  • silvia leuzzi il 11/04/2015 13:51
    noi siamo la città, caotica e meravigliosa per quanto sconosciuta. Ci vuole una vita per girarla tutta e sentirsene padroni, peccato che oramai è finita e si rimane come poveri coglioni.

    Scusa Stanislao questa tua mi ha fatto venire fuori questo pensiero semiserio a commento del tuo lavoro pregevolissimo. Non me ne avere non era per mancare di rispetto. Un abbraccio

4 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 24/04/2015 09:07
    Grazie a tutti per i commenti.
    Silvia, scherzi? non sono così fragile da vivere un commento come una mancanza di rispetto!
    Giada, grazie della tua schiettezza. Qui io pensavo a Roma, con i suoi strati millenari, con le sue periferie tentacolari lontane anni-luce dai Palazzi del potere, con i colori e le culture di etnie che si mescolano ma anche si scontrano...
  • Giada Aliffi il 15/04/2015 21:49
    Corta e banale... la città è ambiente troppo concreto e restrittivo e al di sopra c'è l'infinità dell'universo... il collegamento non rende, sembra quasi qualcosa di paradossale...
  • Ellebi il 10/04/2015 01:04
    Questa breve frase un po' enigmatica, perchè è difficile capire dove nasca e come si sviluppi, mi ricorda "Fervor de Buenos Aires" del giovane Borges, che mette in versi la sua città. La parola "infiniti" che Borges adoperava non di rado per evocare l'indeterminatezza del "tempo", anche in questo caso assolve al suo compito di evocare qualcosa che non è completamente raggiungibile con la ragione. Un saluto
  • Chira il 09/04/2015 17:01
    Ne sono fermamente convinta... ho la certezza di non riuscire a "comprendere" la mia Roma come vorrei; non parlo di motivazioni solo spaziali e temporali. Vero è che la vita fugit ma solo perché ci "distraiamo" dall'essenziale.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0