PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ad ognuno il suo

Ognuno ha il suo vizio. Chi fuma, chi beve, le donne, le carte... Alcuni ne hanno più di uno. Chi non ne ha dovrebbe scegliersene uno e sperare che venga ucciso da esso. Credo non sia del tutto orribile poter credere di avere una chance sulla morte. Di potersi scegliere la propria sorte. Che poi alla fine ci investa uno scuolabus, o ci attacchi un cinghiale selvatico, o ci ammazzi il surriscaldamento globale, o un tornado, o un incendio, o la religione, o la povertà, o la guerra, o un anziano con un badile conta poco. Ma diamocela una possibilità di beffare il destino.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 04/08/2015 10:34
    Lugubre, io non bevo per morire, ma per il semplice fatto che mi piace e non supero i limiti.

2 commenti:

  • Luca il 17/07/2015 20:56
    La penso come te in molte occasioni Stan
  • Stanislao Mounlisky il 17/07/2015 08:47
    Io me la do: fumo. Ma credo che serva a poco, il destino è destino... Stan

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0