PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tenebra

È l'oscuro profondo che cala un cieco di cuore, ad un misero, incredulo fratello, espandendo nel suo tragitto terreno, terrorizzanti paure, uccidendogli pacate ore. Tenebra? Precipizio irreparabile d'incoscienza!

 

0
4 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/02/2016 12:45
    Riflessione importante sull'oscurità che talvolta avvolge l'anima, privandola di quell'essenziale luce, necessaria a vivere bene. Pubblicazione condivisa ed apprezzata!
  • Vincenzo Capitanucci il 07/02/2016 08:49
    terrorizzanti paure... non creano... amore... ma uccidono soltanto il pacato delle ore
  • Don Pompeo Mongiello il 05/02/2016 16:32
    Io so solo una cosa, la tenebra siamo noi, con i nostri intrighi, le nostre gelosie, il nostro essere individualista.
  • roberto caterina il 05/02/2016 05:57
    Una bella riflessione sulle tenebre interiori...
  • Francesco Andrea Maiello il 05/02/2016 05:33
    Dalle tenebre alla luce... dal precipizio dell'incoscienza al presidio della coscienza... luce dell'anima!
  • Ferdinando il 04/02/2016 09:07
    Bel pensiero Rocco... condiviso ed apprezzato... complimenti.

4 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 08/02/2016 10:36
    ... e lo dimostra la citarei
  • loretta margherita citarei il 05/02/2016 04:59
    a questo stato bisogna pur reagire, nn si possono permettere agli altri pesanti gesti nei nostri confronti... bel pensiero rocco
  • Rocco Michele LETTINI il 04/02/2016 19:34
    DA FACEBOOK:

    Stefania Balsamo Un cuore cieco è un cuore senza speranza... e senza speranza, l'anima diventa prigioniera del buio... non si ha più fiducia nel futuro perché si "vive" di paura e non si riesce a godere del proprio prezioso tempo, che si spreca inutilmente, attanagliati in un turbinio di angosce. Nella tenebra interiore, di cui si è prigionieri, si precipita inesorabilmente nell'incoscienza.
    In pochi versi, hai efficacemente descritto una dolorosa condizione, in cui può venirsi a trovare l'animo umano.
    Forse, giocoforza, le vicissitudini umane, un po' tutti ci siamo ritrovati qualche volta in una sorta di condizione simile. L'importante è venirne fuori, ritrovando la speranza perduta!
    Grazie ancora per la tua condivisione e buona serata a te!
  • Gianni Spadavecchia il 04/02/2016 10:49
    Pensiero intrigante, ogni parola ti coinvolge.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0