accedi   |   crea nuovo account

Serpenti e l'io avvolto (ho volto)

Un serpente a sonagli non ha suonato alla porta di un negozio per scegliersi un tipo di veleno mortale... se l'è trovato addosso... Per l'uomo la faccenda è un po' diversa... ma non di molto... perché tutto il creato e il non creato è presente in lui... così ho visto uscire dalla mia bocca.. e dal mio ventre... rocce sassi spine e rarissimi fiori... rane rospi galline e volpi... struzzi gufi iene e avvoltoi... e quando mai colombe nautili e volatili cicogne...

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 23/03/2016 08:54
    Ha qualcosa che mi fa sentire coinvolto, in questo momento mi vergogno, ma può darsi che fra qualche minuto mi fa sentire lieto. In ogni caso fa parte della natura umana, ed io son felice di appartenerci appieno.
  • Rocco Michele LETTINI il 23/03/2016 08:37
    Un sensazionale quanto indiscusso osservare... E la verita' si fa strada nei tuoi saggi pensieri.
    Lieta giornata Vincenzo.

2 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 23/03/2016 14:40
    Un aforisma interessante e riflessivo. Lo apprezzo.
  • Ugo Mastrogiovanni il 23/03/2016 11:44
    Poiché la mia casella email di questo sito non ha mai funzionato, uso questo spazio, anche se improprio, per farti pervenire i miei sinceri e cordiali auguri per una serena e indimenticabile Pasqua.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0