accedi   |   crea nuovo account

Augurare l'inferno

Se odiano qualucuno, l'ateo augura a quella persona sofferenze terrene, il credente invece le augura sofferenze ultraterrene; così da non essere perseguibile di minacce personali.

 

5
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 21/06/2014 18:12
    Condiviso in pieno, sottoscrivo e mi permetto di aggiungere che quando c'è fanatismo da entrambi i lati, i Caini e gli Abeli diventano una sola cosa, cioè l'odio e il rancore fatti a persona.

8 commenti:

  • Jah Gan & buffy_zeus il 21/10/2011 23:47
    io non auguro ne male ne bene mai a nessuno, così risolvo il problema e sto in pace con me stesso.
  • Anonimo il 25/09/2011 17:11
    Al male si rimedia veramente solo con la conquista della consapevolezza.
  • Anonimo il 25/09/2011 17:09
    La più pacifica e l'unica positiva di tutte le vendette: ti starò sulla coscienza come un macigno!
  • Terry Di Vetta il 01/02/2011 14:34
    Compassione... tanta compassione!
  • Luigi Lucantoni il 01/02/2011 13:52
    ogni credente che non ha ancora avuto sentimenti vendicativi cerca di illudersi che tutti gli altro come lui siano ugualmente clementi
  • Terry Di Vetta il 01/02/2011 12:58
    Veramente il vero credente non augura mai sofferenze, dopo un primo e comprensibilissimo momento di rabbia, prova compassione, dirai ma quanti sanno fare questo?!! Non sono pochi credimi, è che fa notizia solo il male...
  • Umberto Briacco il 11/07/2009 01:31
    Il credente in genere promette sofferenze ultraterrene e procura sofferenze terrene. Se non altro il tedio del "ricordati che devi morire"
  • Anonimo il 29/06/2009 08:09
    tipico degli italiani, scaricarsi il barile l'un con l'altro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0