PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io come Napoli

Dove finiscono tutti i proclami che il vento ridendo ascolta? Nella spazzatura, con le bucce di banana e i fazzoletti sporchi. Pensandoci non è così difficile capire perché a Napoli ci sia stata l’emergenza rifiuti. Un napoletano medio produce più sogni di qualsiasi altro cittadino

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • rosaria esposito il 18/10/2011 20:46
    Napule è.. na' carta sporca... come dice un nostro gran conterraneo... e nisciun'se ne 'mporta... ma noi l'amiamo!
  • Valerio La Ferla il 18/04/2011 22:48
    Mi piace, complimenti, ottima riflessione!
  • Anonimo il 22/12/2010 00:08
    bellissimo pensiero... molto apprezzato
  • Marcello Affuso il 22/12/2010 00:03
    Grazie mille
  • angela testa il 02/10/2010 15:44
    l'ho riletta di nuovo... perchè oggi che darei per stare a napoli...
    e questa poesia mi fa sognare... grazie...
    e tanti complimenti... per la bellezza di queste parole...
  • GUIDO EDOARDO ORBELLI il 01/10/2010 12:28
    bella e originale, quanto la città di napoli, sempre così degradata e bersagliata.
    bravo
    guido orbelli
  • Adamo Musella il 29/06/2010 21:52
    Grande virtù dalla città del sole, gran malinconia sopra la stessa città. bravo Marcello.
  • angela testa il 03/06/2010 17:08
    Interessante... il concetto...
    bravo...
  • Michele palermo il 28/02/2010 17:15
    Caspita! Veramente significativa!
  • Donato Delfin8 il 10/12/2009 12:45
    Mò sai che casini cu a raccolta differenziata?
  • Donato Delfin8 il 10/12/2009 12:44
    Bella riflessione
  • Marcello Affuso il 28/11/2009 23:03
  • Jessica Mastroianni il 28/11/2009 18:57
    Dove finiscono?
    Un'altra domanda per cui le risposte non si trovano
  • Anonimo il 03/07/2009 00:15
    io penso che la poesia sta anche nella bruttura, nello squallore... nel disagio... e proprio dalle situazioni estreme... i sogni nascono spontanei e si liberano più forti nel cielo di ognuno di noi... del resto desta più stupore un fiore nato in una sterpaglia che una rosa in un giardino curato... bellissima riflessione in pochi versi
  • Marcello Affuso il 01/07/2009 00:03
    Anche la tua
  • Anonimo il 30/06/2009 16:49
    i sogni nascono sempre nelle situazioni di emergenza, alcuni sono destinati a rimanere tali, altri si realizzano. Ci vuole coraggio per poterlo fare, non si può chiudere gli occhi, ma aprirli e osare guardare lo squallore, il brutto, solo così si può migliorare, sempre dobbiamo essere disponibili a farlo, per primi.

    bella riflessione
  • Musa Alienata Inquietante il 30/06/2009 11:02
    Bellissima! L'adoro, complimenti
    p. s quand'è che ti metti on line? U. u

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0