username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

meritocrazia

Nessuno può sperare di avere altro che la morte che gli tocca.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Ivan Bui il 31/07/2010 13:36
    ... la morte come la vita non la puoi scegliere... la vita é un terno al lotto, c'é chi vince e c'é chi perde, i più ... la morte ripara a tutte le sperequazioni. Tu in una riga hai condensato tutto questo.
  • Anonimo il 16/04/2010 08:54
    Dunque è un risultato ipotetico e fasullo, dal momento che dovrebbe essere convalidato solo dalla morte in quel momento. La tua frase sopra equivale a dire che ognuno è quello che è e che si trova dove si trova. Praticamente un'illuminazione...
  • Umberto Briacco il 16/04/2010 00:05
    Lamorte che ti tocca non è una morte predestinata ma è frutto di un complesso sitema di variabile in cui la tua è il libero arbitrio. C'è un gioco sul tempo, nel senso: non è la morte che ti toccherà, ma la morte che ti tocca ora, quindi già tenuto conto di libero arbitrio e resto. è un risultato nel omento in cui il calcolo finisce
    Saluti
  • Anonimo il 14/04/2010 12:32
    Non è così, perché all'essere che nasce non è concesso scegliere di nascere, ma gli è permesso di decidere, se vuole, come e quando morire. Questa è la conseguenza della legge universale chiamata "analogia inversa", che esige essere un opposto l'inversione speculare del proprio opponente. La morte non è mai dipendente solo dal destino, perché il destino è la risultante dell'intrusione del libero arbitrio nei suoi disegni che non sono mai incancellabili.
  • Anonimo il 04/11/2009 15:21
    Mi viene in mente quella poesia di Totò " A livella"
  • Anonimo il 04/11/2009 15:04
    Mi piace proprio.
  • Anonimo il 23/09/2009 00:03
    La meritocrazia non esistera mai, se non per la morte. Giusto!
  • Linda Tonello il 22/07/2009 13:16
    Giusto... la morte è molto democratica o, meglio, meritocratica...
  • Ugo Mastrogiovanni il 11/07/2009 20:09
    Anche il mio professore di greco ne era convinto…quando mi metteva 1 e io gli dicevo: <Grazie prof.>, lui replicava: <Sono i vostri meriti, non ringraziate>.
    A parte gli scherzi, il tuo aforisma è quasi legge!
  • Luigi Lucantoni il 11/07/2009 15:07
    dato che la vita è un diritto la sua fine non può certo esserne esclusa
  • Anonimo il 11/07/2009 11:19
    sarei curiosa di sapere che criterio di merito venga applicato a certa gente.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0