accedi   |   crea nuovo account

A...

Sfibra l'archetto sulla corda tesa. L'attesa si fa intensa e tende l'udito al suono che s'inerpica sulla parete liscia dello strapiombo e scopre le spalle al vuoto, l'ignoto. Scivola l'ultima difesa, sfiora la pelle il raso, avvolge il sapore che increspa i fianchi l'alta marea della luna piena che invidia, lontana, i corpi aggrappati ai gemiti sfiorati sulle corde alte di un violino liberato nell'incanto. L'amore il senso, asserragliato ai sensi, del lumeggiare assonnato delle lucciole

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 24/08/2009 21:25
    una passeggiata nei sentieri dell'amore e della passione!!! un flusso...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0