accedi   |   crea nuovo account

Riflessione della mezzanotte della Vigilia natalizia

Mera speculazione commerciale, che ti attrae a luci intermittenti, ove a fiumi butti denaro per cose che in fondo non ti servono, e non dai un centesimo al povero che ti porge la mano, e ti senti Cristiano, solo perché a mezzanotte a Chiesa vai.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 24/12/2009 22:22
    Verissimo. Direi che tutto quanto è spirituale nel nostro mondo corre il rischio di scadere a realtà commerciale! Buon Natale!
  • Anonimo il 24/12/2009 19:14
    Verissimo. Non a caso ho scritto una poesia "Natale "un piccolo appunto". Auguri!
  • Anonimo il 24/12/2009 15:31
    Condivido questa tua perla di saggezza... stamane fuori dal forno c'era un ragazzo di colore... gli ho chiesto se voleva qualcosa da mangiare... se potevo offrirgli qualcosa... lui mi ha detto che il cibo non gli manca... voleva qualche spicciolo... io gli ho dato una sciocchezza, cinque euro... però non mi sono sentita meglio... mi è rimasta dentro un poco di amarezza, sarà tutto questo ostentare... o la sua sottile arroganza... poi mi sono detta... non deve essere facile essere umili quando spesso anche la tua dignità viene ridotta a brandelli... ho proseguito però quella sensazione ancora me la porto dentro...
    Tanti Auguri, nuovamente a te e famiglia.
  • Anonimo il 24/12/2009 13:54
    Approvo in pieno... anche se uno è cattolico il tuo aforisma lo dovrebbe apprezzare. Perchè non ti leggi L'amante... una mia poesia. Ci puoi trovare qualcosa del tuo aforisma. Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0