accedi   |   crea nuovo account

Non credere senza altro da credere

Coloro che pensano di poter dimostrare razionalmente l'esistenza - o l'inesistenza - di dio corrono il rischio di cambiare completamente idea, qualora dubitassero all'improvviso di aver fatto bene i calcoli. Gli agnostici non corrono lo stesso rischio, poiché, nel dubbio, non avrebbero un'unica soluzione alternativa.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 23/11/2012 15:10
    be è difficile sintetizzarla in poche battute, ne ho dato una definizione ampia in uno dei miei scritti: "Figli del caos"
  • Anonimo il 23/11/2012 13:32
    È la tua ATTUALE idea, Luigi, che M'INTERESSA. MOLTO. Me la doni?...
  • Luigi Lucantoni il 22/11/2012 18:44
    quello di cui parli Vera è deismo filosofico, per un certo periodo della mia adolescenza l'ho pensata più o meno come te, poi ho cambiato idea
  • Anonimo il 22/11/2012 15:28
    Se invece di parlare di Dio alla maniera delle religioni, o di tanti liberi credenti, si parlasse semplicemente della fonte della vita e della GRANDEZZA che essa, QUALUNQUE SIA, racchiude in sè -dato tutto ciò cui è stata capace di dar vita-, ci accorgeremmo che quella fonte merita comunque un'ammirazione sconfinata e racchiude certamente in sè intelligenza, bellezza, amore, rispetto della LIBERA EVOLUZIONE DELL'UNIVERSO TUTTO, ESSERI PENSANTI E COSE. Dio, insomma!!!
  • Andrea Arvati il 08/03/2010 16:50
    molto bella. empatia per le tue parole
  • francesco verducci il 01/03/2010 18:38
    Il solo fatto di dimostrare razionalmente la non esistenza è di per sè un'accettazione della stessa, mentre dimostrare l'esistenza è possibile a patto che si abbiano dei dati, cosa che riguardo a dio non esistono ( a meno che non si usi la metafisica).
    L'agnostico, lascia sempre una possibilità all'esistenza o alla non esistenza.
    La realtà è che tutti si muovono in una dimensione che non tiene conto della poca conoscenza umana nel definire le proprie origini.
    ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0