PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Eccelenza

Per diventare i campioni serve allenamento, in princio sono tutti principianti.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 21/11/2011 19:58
    La saggezza non è genetica né ereditaria né, tantomeno, può essere trasferita da una mente all'altra, come la cultura e il sapere. Nella pratica, tutto deve essere imparato per mezzo di tentativi e di errori. VOLERE è POTERE ma bisogna ogni tanto anche guardare in faccia la realtà dei fatti con strema chiarezza e logicità. Nulla cade dal cielo. Ci vuole impegno, fatica e soprattutto consapevolezza della possibilità di fallire.

    Buon inizio settimana e statemi bene!


  • tania rybak il 05/03/2010 14:54
    scusate le faccine inopportune, pare che escono da soli.
  • tania rybak il 05/03/2010 14:51
    dalla prima lettera a Timotteo 3:12-16(nessuno disprezzi la tua giovinezza! Al contrario, mostrati modello ai fedeli nella parola, nella condotta, nella carità, nella castità(nel mio caso nella fedeltà. Fino alla mia venuta applicati alla lettura, allesoratazione e all'insegnamento. non trascurare il carisma che è in te... Abbi premura di queste cose, dedicati ad esse, affinchè a tutti sia noto il tuo progresso. Attendi a te stesso e all'insegnamentoersevera in queste cose poichè, cosi facendo, salverai te stesso e quelli che ti ascoltano)nel sapere non cè alcuna speculazione, anzi è l'ignoranza che porta a sbagliare.
  • Anonimo il 05/03/2010 11:52
    Dal punto di vista terreno e umano è così, ma da quello del Cielo il Principio contiene già in sé il germe delle sue conseguenze, come l'uno contiene i molti. La manifestazione della realtà relativa origina dal Principio unico, e si irraddia nella molteplicità che è diversità e ha come fine il ritorno all'unità dalla quale proviene. Ancora una volta si vede come la Realtà divina si capovolge nella creazione che è il suo riflesso speculare. Per questo gli ultimi saranno i primi, perché per ultimi si devono intendere coloro che sono ultimi nella materia e, per questo saranno primi nello spirito il quale, sulla terra, è simboleggiato dalle intenzioni interiori.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0