PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La morale comune

Paradossalmente al giorno d'oggi è la morale comune a suscitarmi il maggior disgusto.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Raffaele Arena il 09/11/2011 21:08
    Valori cambiano da tempo a tempo ma l'impatto dell'umanità in questo periodo di sopravvivenza pos-tecnologico evidenzia purtroppo tutto e troppo. Concordo.
  • rosaria esposito il 24/05/2011 16:53
    vero, la morale comune non è altro che la maschera indossata dagli ipocriti dopo essersi lavata la faccia di nascosto..
  • Tim Adrian Reed il 28/11/2010 13:54
    fa a pugni con il buon senso, fa a pugni con noi uomini... chissà quando ci sveglieremo
  • Anonimo il 27/11/2010 14:32
    Come cattolico sono pienamente d'accordo con te perchè la morale comune di oggi fa a pugni col Vangelo.
  • Tim Adrian Reed il 27/06/2010 19:41
    ipocrisia, hai proprio scritto la parola giusta... e ne sono così disgustato che di metterci dita in gola non ce n'è più nemmeno bisogno... sono sicuro che mi capisci.. Grazie ancora per il tuo commento Karl!
  • Anonimo il 27/06/2010 00:27
    cavolo se hai ragione... la morale di oggi è un prodotto reciclato, che sa di stantio... la plastica di un'ipocrisia che ti fa venire voglia di metterti due dita in gola
  • Tim Adrian Reed il 17/04/2010 12:31
    Thank you Aldo, anche solo un lieve accostamento al grande Wilde mi rende più che onorato.
  • aldo battistelli il 17/04/2010 10:04
    c'è molto Wilde nel tuo aforisma... e bravo Tim... ciao!
  • Tim Adrian Reed il 11/04/2010 02:17
    Concordo anche con questo, Tania, ormai funziona tutto al contrario... In fondo penso che la moralità sia qualcosa di totalmente inutile all'uomo. Bisogna badare al concreto certe volte, ai fatti, alla natura umana e delle cose che ci circondano, ai problemi e a come risolverli. In tutto questo, la morale ed il buonismo farebbero bene a essere messi da parte.
  • tania rybak il 11/04/2010 01:06
    a me disgusta il fatto che oggi come oggi si da più lode alla immoralità, che alla morale stessa
  • denny red. il 07/04/2010 02:20
    piaciuta!! tim, la morale comune.. bravo!!
  • Tim Adrian Reed il 06/04/2010 23:12
    Uno strano vizio dell'uomo, questo, di voler rinnegare la propria umana natura. Giustamente, si vede che a qualcuno conviene.
  • Anonimo il 06/04/2010 22:33
    Non so se sentirmi più disgustato dalla morale o dal comune!
  • Anonimo il 06/04/2010 09:45
    L'esistenza non è "morale". Essa è legiferata dai principi universali sui quali poggia. La morale nasce dall'intrusione del sentimentalismo in questi principi, differenziandone le conseguenze in dipendenza dalle latitudini e dalle convenienze individuali, di razza, di cultura, e di stronzaggine dei popoli che adottano queste morali per trionfare sull'universalità dell'essere. La morale diventa un sentire comune in conseguenza della cecità interiore comune ma, in realtà, da questa comunione ci guadagnano sempre i soliti stronzi opportunisti e vigliacchi. E ben gli sta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0