username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Religione della Chiesa

È pericoloso seguire la Chiesa. Tutela meglio un'entità astratta (Dio) e quindi immaginaria, che gli Uomini stessi. È perché nessun'uomo potrà mai dire di aver camminato sull'acqua?

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 26/06/2014 13:00
    L'acqua è simbolo della superficie di una realtà che è caratterizzata da limiti. Camminare sulle acque ha il suo senso simbolico che dice di colui che si eleva al di sopra di esse, essere un uomo che ha superato ogni limitazione alla libertà data dall'esistere.

6 commenti:

  • Paolo Villani il 09/04/2015 11:39
    Solo Gesù Cristo camminò sull'acqua perchè è superiore, ovviamente, alle leggi della fisica.
  • augusto villa il 19/05/2012 15:26
    professione, scusa.
    Vedo Dio come un corpo sbranato, fatto a brandelli da chi pretende di stare dalla parte della verità...
    Non vorrei essere nei suoi panni... Anche perchè mi starebbero larghi. ---------
  • augusto villa il 19/05/2012 15:22
    Il problema non sta in Dio... bensì nelle chiese. Di qualsiasi professioni, intendo.
  • loretta margherita citarei il 26/09/2010 06:32
    sono cristiana senza etichetta di cattolica o protestante, le pecore devono seguire il pastore del cielo, spesso in terra vi sono lupi che indossano vesti di pastore, comunque è per la poca fede degli uomini che il Cristo ha compiuto miracoli, per testimoniare la sua Verità, ed in una parabola disse, che chiunque ha fede e crede fortemente, può fare miracoli
  • Anonimo il 16/04/2010 16:11
    Intanto Dio non è un'entità né, tanto meno, è astratta. Forse sarà un'astrazione per coloro che si chiedono se Dio esiste, ma io so che l'Assoluto è maggiore dell'esistere. Non è neppure vero che seguire la Chiesa sia difficile, almeno per chi è entrato una volta in Chiesa fingendo di fare quello che fingono gli altri. Il camminare sull'acqua non va relegato al solo evento miracoloso, perché i fatti straordinari sono anche parte della competenza del diavolo. Il suo senso è essenzialmente simbolico e sta a indicare la capacità di elevarsi sopra le acque che sono immagine della relatività di un conoscere che non ha più presa su colui che sa perché è quel sapere. Cristo non fu l'unico figlio di Dio a camminare sulla acque, altri l'hanno fatto, ma oggi i tempi sono alla fine del loro ciclo ed è sempre più raro che esseri, non più relegati nelle limitazioni della condizione umana, si mostrino.
  • Luigi Lucantoni il 16/04/2010 15:13
    niente male, condivido in pieno

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0