PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Responsabilità.

Siamo molto più responsabili di ciò che accade nella nostra vita di quanto non immaginiamo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

30 commenti:

  • Glauco Ballantini il 29/08/2013 15:26
    Non sono d'accordo però, anche se non è vero, dobbiamo agire come se lo fosse. La nostra natura è più profonda della nostra cultura ma bisogna credere che siano in rapporto inverso.
    "L'ottimismo della volontà, il pessimismo della ragione."
  • Anonimo il 16/11/2011 12:16
    La vita ci appartiene, il minimo dovuto è quella di crearla, plasmarla o ferirla con le nostre mani
  • Anonimo il 23/09/2011 17:29
    Consapevolezza preziosissima! GRAZIE.
  • luigi granito il 24/08/2011 23:06
    tristemente vero, di un vero angosciante, che non lascia attenuanti
  • Alessandro De Rinaldis il 19/08/2011 13:51
    giustissimo... parole proverbiali
  • Sandra Checcarelli il 26/04/2011 15:22
    Giusto! Nella vita dobbiamo tutti essere consapevoli di quello che siamo e cosa vogliamo per non perderci nulla... anche se poi è difficile...
  • Tim Adrian Reed il 09/12/2010 18:54
    È assolutamente vero ed è bene che ognuno di noi inizi a rendersene conto!
  • Andrea Tessadri il 16/02/2010 15:16
    Sono d'accordo. La maturità di un uomo la si riconosce, non per niente, anche nella capacità che questi ha di essere responsabile delle proprie azioni, di saper riconoscere che quanto di ciò che ha detto e fatto è frutto solamente del suo proprio giudizio.
    Credo che limitarsi a rimettere il nostro arbritrio a una fonte esterna (la si chiami come più piace) sia forse uno dei più gravi problemi che affliggono l'essere umano. D'altronde, come possiamo autoformarci, se noi stessi medesimi non vogliamo andare incontro alle nostre idee, manie, isterie?
    La ragione la si può sempre trovare, nella ragione come nel sentimento, basta aver la volontà di cercarla.
  • Simone Scienza il 11/01/2010 12:46
    Certo, certo, hai ragione
  • Antonio Pani il 11/01/2010 11:23
    Volevo spendere due parole sul mio aforisma: "il concetto espresso si riferisce, in particolare, a tutte quelle situazioni di vita in cui ci si "piange addosso" e si soffre per ciò che ci è capitato, senza riuscire a trovare una ragione o un perchè".
    Credo, invece, che ciò che accade (spesso ripetutamente) sia dovuto al nostro modo di essere, di comportarci e di relazionarci.
    Noi siamo responsabili, quindi, nella misura in cui "agevoliamo" gli eventi che ci riguardano e che, ovviamente, interessano sovente anche altri soggetti.
    Grazie per la vostra attenzione, commenti e critiche. A rileggersi presto, ciao.
  • Simone Scienza il 09/01/2010 21:25
    Ci sono troppe variabili in gioco nella vita dell'uomo per dire che siamo parecchio responsabili di ciò che accade a noi stessi... se invece intendi che siamo molto responsabili di ciò che causiamo agli altri, allora hai pienamente ragione
  • Michele palermo il 12/02/2009 16:32
    Responsabili inconsapevoli... incoscienti... bipedi limitatamente senzienti...
  • Giovanni Conti il 12/12/2008 01:11
    Senza credere a un destino, un dio, una provvidenza, non sono d'accordo. Puoi fare tutte le scelte che vuoi ma se casualmente una persona ti investe con la macchina, anche dopo tutte le scelte che vuoi, la tua vita dipende ancora da te? ne sei ancora così responsabile?
  • Giovanni De Lombardis il 25/11/2008 11:05
    AMEN
  • Giovanni De Lombardis il 25/11/2008 11:05
    Ancora credi in dio, per favore dai.
  • Phil Ethasimon il 17/11/2008 13:12
    La liberta' e' una illusione.. Solo l'uomo consapevole di essere puo' essere libero..
  • Phil Ethasimon il 17/11/2008 12:14
    Quindi e' vero l'aforisma di Antonio, ma la maggioranza non ne sono in REALTA' coscienti SE NON PER FEDE.
    lA LIBERTA' nel vero senso del termine e' solo un termine, un nome che l'uomo ha "creato" per definire un "qualcosa" che in realta' non puo' esistere.
    Solo una illusione nel mondo virtuale quale viviamo.
    La liberta' totale e' solo di Dio e DELL'UOMO CONSAPEVOLE di essere uno, nulla e contenmporaneamente un molteplicita' di TE STESSI che non hanno paradossalmente ESISTENZA REALE!
    Dio: quale unica realta assoluta dell'esistenza! Tutto il resto e' solo emanazione di se stesso, involuto nelle condizoni del tangibile e creato...
    Ma pienamente cosciente di se stesso nnell'energia, o spirito.. chiamatelo come volete.
    un saluto
  • Giovanni De Lombardis il 17/11/2008 11:34
    Grande scoperta la tua, sarà mica che pensiamo prima a noi stessi?
  • Antonio M il 23/06/2008 17:09
    Più siamo anime grandi più il raggio d'azione della nostra responsabilità si allarga ad includere gli altri; di contro più siamo anime piccole più diminuisce ad escludere anche noi stessi...
  • nicola battaglia il 07/10/2007 01:15
    verissimo
  • augusto villa il 03/09/2007 21:39
    Sì...è vero!
  • Phil Ethasimon il 17/08/2007 06:19
    L'uomo e' come una trave poggiante su due punti.
    Sulla trave agiscono delle forze in vari punti della stessa.
    Il punto di flessione della trave e' la Risultante di quelle forze.
    Le forze che agiscono sulla trave rappresentano i condizionamenti più o meno consci, spesso inconsci in parte contraddicentesi.
    La scelta che facciamo e' la risultante. E in determinate circostanze abbiamo l'illusione del libero arbitrio ma la risultante e' sempre la stessa..
    Se le condizioni e circostanze che si presentano sono quelle della volta precedente la risultante e' sempre o quasi la stessa!
    L'uomo crede di "fare" ma piuttosuo e' un "non fare"...
  • Ivan Benassi il 16/08/2007 21:54
    È un punto di vista... complimenti per il dibattito che hai...
  • Phil Ethasimon il 25/07/2007 16:42
    A parlarne per settimane e' poco.
    In linea di massima,

    non sono d'accordo.
  • Stella La Rosa il 19/06/2007 22:21
    Non ce ne rendiamo conto, ma nelle situazioni critiche sappiamo sempre cosa è giusto e cosa non lo è
  • miryam maniero il 16/05/2007 23:14
    fuori dubbio, il problema è che ce lo dimentichiamo troppo spesso... mannaggia!
  • luigi deluca il 26/04/2007 21:45
    Perfetto e verissimo, se solo ce ne rendessimo veramente conto!
    gigi
  • Anonimo il 03/04/2007 15:59
    Nel senso che niente è già scritto. Ciao Stefano
  • Luigi Lucantoni il 01/03/2007 21:17
    Questa responsabilità dipende soprattutto dall'istinto di sopravvivenza non dalla coscenza razionale
  • Argeta Brozi il 11/10/2006 11:17
    Mah, non lo so veh...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0