PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Sillogismo Categorico

Se l'amore vero è assoluto allora l'amore assoluto è verità, quindi l'amore è verità assoluta.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 14/06/2014 05:21
    Assolutamente sì, amore e verità sono la stessa identica realtà della Libertà assoluta. L'Assoluto è tutte e tre questi aspetti sintetizzati in una sola Verità.

23 commenti:

  • Anonimo il 01/05/2012 11:45
    A livello logico non fa una piega, ma... l'amore vero è divino, raramente terreno!
  • Donato Delfin8 il 05/11/2011 23:43
    finché dura... in eterno è assolutamente vero!
  • mario durante il 16/07/2011 11:08
    Con il cuore è vero.
  • Davide La Torre il 16/12/2010 20:57
    No no, il sillogismo non sta proprio in piedi... ma penso che l'autore ne sia consapevole, in ogni caso il significato non mi ha interessato granchè...
  • Cinzia Gargiulo il 06/07/2010 00:21
    Mi piace indipendentemente da quello che hanno detto sotto.
    Ciao...
  • Anonimo il 28/06/2010 22:05
    E dopo tutto quello che ho letto sotto, semplicemente ti dico: bravissimo!
  • laeroica G il 20/06/2010 19:36
    Se amore vero è amore vero. La verità può andare o meno alla pari con un amore, ma anche per amore si può mentire ^_*
  • Nicola Saracino il 20/05/2010 13:00
    In una discussione è più difficile convincere che vincere... Il sillogismo non sta in piedi. N
  • diddigno il 20/05/2010 12:42
    Da Hinde ad Aristotele. Ancora complimenti per le citazioni e la cultura che le sostiene! Sicuramente frutto di qualche corposo curriculum di studio.
    Forse però siamo arrivati al capolinea!!
    Potremmo infatti continuare a spostare progressivamente il limite della discussione verso il personale di ciascuno, tralasciando completamente da dove siamo partiti, ma non mi interessa.
    Potremmo perdere altre piacevoli giornate a disquisire sul concetto di curriculum scolastico, e del percorso necessario per costruirlo, ma anche no.
    Direi comunque che la consultazione di un dizionario è gesto che si impara già dai primi anni della scuola dell'obbligo. In tal modo è semplice cercare argomenti e utilizzarli per il senso comunemente loro attribuito.
    Certo altra cosa è fare sfoggio di cultura e conoscenza, anche a costo di esibire un'insipida saccenza nel tentativo di legittimare le proprie parole utilizzando citazioni altrui, più o meno a proposito. Questione di gusti.
    Continua allora, facendo onore al tuo nome, ad alimentare provocatoriamente questa, o altre, discussioni in modo sterile e avulso dal reale contenuto delle opere pubblicate sul sito, senza peraltro pubblicare niente!
    Continua, alla stessa stregua di un bambino che voglia avere a tutti i costi l'ultima parola anche a costo di pronunciarla priva di contenuto.
    Io sono arrivato al capolinea. Questa discussione non mi interessa più.
    Modestamente, rinnovo i complimenti a gia ma, sperando di non causargli problemi alla glicemia...
  • Solo Commenti il 19/05/2010 18:53
    Qui non si tratta di essere dotati di capacità di introspezione. Qui si tratta di riconoscere che un sillogismo non è corretto dal punto di vista formale ("Logica" di Arsitotele), il che non ha nulla da spartire con i pareri personali. Ripeto, comunque, che in un sillogismo il modo sbagliato in cui sono sviluppate le premesse non invalida necessariamente la conclusione, alla quale si può arrivare con altro sillogismo (corretto). Ciò è valido in generale, non è un mio parere; è mio parere, semmai, che qualcuno abbia dissicoltà a distinguere quando sia opportuno dire "a mio avviso" e quando invece no.
    "Il contadino vero" generalmente non usa il politichese: quando si esprime con umiltà, non si macchia mai di quella zuccherosa falsa modestia che può contagiare i suoi nipoti, magari dotati di un corposo curriculum scolastico.
  • diddigno il 14/05/2010 16:40
    Non volermene se pare che non riesca a capirti, ma mi sembra che il tono della discussione stia prendendo una piega che lentamente degrada sul personale e non vorrei che degenerasse. Mi spiacerebbe perché il confronto fino ad ora mi è sembrato comunque costruttivo. Verrei farti notare che io ho solo fatto riferimento a quanto da te scritto senza entrare nel merito delle tue capacità o competenze!
    Il fatto che tu utilizzi il concetto di sistema piuttosto che di insieme è una tua scelta e fa onore alla tua cultura, ma nel dizionario di italiano, alla voce argomentazione, si parla di insieme e non di sistema. Inoltre, penso che di autoreferenziale, per chi ci crede, ci sia solo Dio e gli argomenti sono validi solo se pertinenti ed il lavoro di argomentazione consiste nel coniugare elementi omogenei.
    Questa visione sistemica che proponi, e sembri voler sposare con tanta determinazione, è però molto interessante. Tuttavia, se non sbaglio, uno dei principi alla base della teoria dei sistemi è imperniato sul concetto di relativo in contrapposizione ad assoluto. Perciò, mi sembra viepiù contraddittoria la tua negazione assoluta della validità del sillogismo a fronte di una parziale correzione del concetto qualche commento successivo.
    Giustificare le ragioni per cui qualcosa non è di tuo gradimento e sostenere che è sbagliata in modo assoluto mi sembrano 2 cose ben distinte. Nessuno ti impedisce poi di condensare, riassumere o interpretare quello che vuoi nel modo che preferisci. Al limite sarebbe stato più corretto esordire con "io credo che..." o simili invece di assurgere ad una posizione di negazione assoluta come quella che hai proposto.
    Ti ringrazio comunque per lo stimolo al miglioramento. Per chi come me non è dotato e capace di riflessioni ed introspezioni così profonde, il confronto è sempre spunto di crescita. Mio nonno, che era contadino vero, pur non avendo grandi capacità riflessive, era in grado di elaborare grandi argomentazioni, spero di riuscire, almeno in parte, ad essere come lui.
  • Solo Commenti il 14/05/2010 12:35
    Mi aspetto che Ugo Mastrogiovanni si corregga. È perfettamente in grado di capirmi.
  • Solo Commenti il 14/05/2010 12:32
    Cominciamo dal fondo, per risalire all'inizio del tuo ultimo intervento.
    Io non giro intorno e non dico mai semplicemente "non mi piace".
    Ho letto "ragionamento deduttivo perfetto" e "come sillogismo non fa una piega". Ho condensato in "sillogismo perfetto" e credo di essere autorizzato a farlo.
    L'argomentazione non è un "insieme" di argomenti ma un "sistema" di argomenti organizzati (Hinde). La differenza sta nel fatto che l'insieme non richiede connessioni fra i suoi elementi, mentre il sistema sì. Gli argomenti sono validi "per se", le argomentazioni vanno indirizzate all'obbiettivo. Argomentare richiede lavoro, non basta disporre di materia fertile.
    Tu ne sei l'esempio: disponi di argomenti ma li organizzi male. Puoi migliorare, con un po' di disponibilità alla riflessione.
    L'esempio del contadino non è rigoroso ma è abbastanza calzante.
  • diddigno il 14/05/2010 11:44
    Bello l'esempio contadino! Però forse non è del tutto corretto. Se infatti vogliamo essere precisi, la semantica non ti da troppa ragione. Gli argomenti sono le prove addotte a sostegno di una tesi e l'argomentazione è l'insieme degli argomenti per sostenere la stessa. Quindi tautologicamente viene meno la relazione causale terra-buoni frutti...
    Concordo sul fatto che non hai sviluppato alcun ragionamento logico. Aprendo il tuo commento con la premessa che la deduzione era sbagliata a prescindere, non hai segnalato che sarebbe potuta essere corretta "cercando altre premesse", come invece dici ora.
    Hai semplicemente precluso la possibilità di verificare con maggiore attenzione un significato diverso da quello che gli hai attribuito tu.
    Non mi sembra che nessuno abbia fatto cenno ad un sillogismo perfetto. Forse semplicemente chi ha commentato prima di te ha trovato una maggiore affinità all'argomento ed alle conclusioni.
    Era più semplice se, invece di girarci intorno, avessi detto semplicemente che l'aforisma non ti piaceva. O no?
  • Solo Commenti il 14/05/2010 00:33
    Gli argomenti sono la terra (buoni argomenti = terra fertile), le argomentazioni sono i possibili frutti. Nessuna tautologia.
    Io non ho sviluppato alcun processo logico. Mi sono limitato a segnalare che la conclusione dell'aforisma, non essendo basata su un processo logico corretto, potrebbe essere vera ma solo cercando altre premesse, cioè cambiando il sillogismo. Che ben quattro commentatori si siano affrettati a dire "sillogismo perfetto" o pressapoco questo, ha destato il mio interesse più del contenuto dell'enunciato.
  • diddigno il 12/05/2010 12:58
    @Solo Commenti
    ammetto di aver dato per scontato che la tua fosse un'osservazione diretta all'autore e non ai commenti precedenti. Ho avuto infatti l'impressione che questi ultimi confermassero l'idea di "Amore assoluto" proposta e pertanto non ci fosse distinzione tra interpretazioni.
    Premetto anche che il ragionamento da te proposto conferma la sua stessa logica e che quindi non lo reputo sbagliato di per se stesso. In fondo i ragionamenti sono veri entrambi e differiscono per la diversa concezione di assoluto e verità riferiti all'Amore.
    Cionondimeno, essendo gli argomenti funzionali all'argomentazione, non capisco il senso del tuo appunto che mi pare risolversi in una tautologia.
  • Solo Commenti il 11/05/2010 22:19
    Per diddigno. Apprezzo i tuoi argomenti, un po' meno l'argomentazione. La mia precisazione era rivolta ai commentatori precedenti più che all'autore.
  • diddigno il 11/05/2010 18:24
    @solo commenti
    da un punto di vista strettamente formale, concordo con te. Se non erro infatti, ai fini della correttezza del sillogismo, la seconda premessa dovrebbe essere indipendente dalla prima e non una sua conseguenza.
    Tuttavia, mi permetto di dissentire con le tue conclusioni per quanto attiene l'interpretazione.
    Suppongo che la lettura del testo possa prescindere da simili dettagli. Ritengo infatti che il concetto di "amore assoluto" non possa avere una valenza oggettiva, valida per tutti, perché Amore è sentimento che ciascuno di noi vive in maniera soggettiva. Perciò le 2 premesse, nella soggettiva prospettiva dell'autore, potrebbero anche essere vere congiuntamente e contestualizzare la verità della conclusione.
    complimenti a gia ma.
  • Solo Commenti il 10/05/2010 19:07
    No, la deduzione è sbagliata. "Se l'amore vero è assoluto allora l'amore assoluto è verità" non è corretto: se vero implica assoluto, non è detto che assoluto implichi vero. In conclusione l'amore potrà anche essere verità assoluta, ma non per conseguenza del primo sillogismo.
  • Anonimo il 08/05/2010 20:02
    Come sillogismo non fa una piega!
  • Anonimo il 08/05/2010 12:12
    Si, vero!!
    Il tuo ragionamento è esatto e come dice Ugo " perfetto"...
    bravo...
  • Ugo Mastrogiovanni il 08/05/2010 10:18
    Un ragionamento deduttivo perfetto.
  • Fuvell Altego il 08/05/2010 09:13
    Non c'è da aggiugere altro. Condivido pienamente.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0