accedi   |   crea nuovo account

Matematici & Poeti

Matematici & Poeti sono sensazionalmente simili, entrambi vivono in realtà diverse.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rosaria esposito il 13/04/2012 19:39
    concordo... matematica e poesia hanno molto in comune, se si esclude il diverso simbolismo. sono entrambe attività peculiari dell'anima, del cuore e della fantasia...

13 commenti:

  • augusto villa il 06/06/2012 14:48
    È vero!... e che numeri!!! ----- ---
  • Anonimo il 07/03/2011 17:54
    Beh, io sono matematico e poeta... cosa rara... allora mi permetto di chiederti... realtà diverse da cosa? perchè quando dici entrambi vivono in realtà diverse o devi togliere entrambi... ed allora uno vive una realtà diversa dall'altro... oppure, se non togli entrambi allora ci stà che vivano realtà diverse ma da chi o cosa? per esempio da quella dello scrittore, o del muratore o del meccanico... lo rivedrei in ogni caso questo aforisma... aspetto a darti il voto in base alla tua risposta. ciaociao
  • Marco Donna il 04/01/2011 16:10
    matematica e poesia hanno molte cose in comune. pensa alla metrica
  • Donato Delfin8 il 15/06/2010 14:14
    Ti assicuro che quando riesci a trasformare una difficilissima equazione in una banale... e risolverla poi... ah bè ne hai di emozioni zi zi
    reti neurali permettendo c'è un bel esperimentino cibernetico che crea poesie

    Ok la follia umana è decisamente più antica (per ora)

    Bè un sonetto ha molta matematica come la trasmormata di Laplace ha tanta poesia

    cmq mi piace la riflessione
  • ignazio de michele il 16/05/2010 17:13
    questa è troppo bella, perciò cinque stelle.
  • Anonimo il 14/05/2010 21:51
    Singolare questa affinità!
  • Anonimo il 14/05/2010 18:50
    Ragione e sentimento verebbe da parafrasare! Comunque, sono due mondi paralleli separati da un po' di sana follia! Bell'aforisma!
  • Chocolat Noir il 14/05/2010 14:48
    ce n'è sicuramente. Quando scriviamo contiamo le strofe, le sillabe, organizziamo il testo con degli schemi numerici di cui non ci rendiamo conto, ma che si rispecchiano nell'effetto musicale del testo. Potrei fare tanti altri esempi
  • Paola Panebianco il 14/05/2010 14:43
    Il mio aforisma intende scindere bene il matematico e il poeta, appunto sono SIMILI non uguali, e per le realtà diverse si intende appunto che uno vive nei numeri e l'altro nuota nelle emozioni, quindi sono diversi essenzialmente per il fatto che hanno a che fare con situazioni diverse... quindi Antonio io sono totalmente d'accordo con te... e Chocolat Noir è interessante quello che dici potrebbe essere ma probabilmente non lo sapremo mai (forse è meglio così)
    Grazie dei commenti
  • Chocolat Noir il 14/05/2010 12:45
    Assolutamente d'accordo! In fondo nella poesia c'è nascosta un bel po' di matematica.
  • Anonimo il 13/05/2010 19:55
    Non condivido affatto.
    Il matematico vive in un mondo artificiale fatto di stupidi numeri.
    Il poeta vive in un mondo fatto di sogno ed evasione
  • Paola Panebianco il 12/05/2010 15:18
    Ma sarebbe un controsenso unire razionalità e istinto se succedesse la vita sarebbe terribilmente noiosa.
  • Anonimo il 12/05/2010 11:31
    chissà se la verità dei numeri è realmente un universo parallelo ma non intersecabile alla realtà del sentimento. Non può esserci un luogo di mezzo in cui invece razionalità e istinto si possono abbracciare? Buon aforisma, anche se non sembra dare possibilità ai due mondi di tendersi la mano

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0