PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Andrea

Mi chiedo se il destino non sia regolato da un cieco sordomuto, questo spiegherebbe tutto.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 07/07/2014 17:52
    Quando è regolato da un cieco sordo e muto si chiama libero arbitrio, non destino...

12 commenti:

  • Anonimo il 15/10/2012 13:10
    Io penso che il destino è regolato da me, dipende da come lo vivo.
  • Musa Alienata Inquietante il 08/11/2011 12:27
    Caro Mario, io non cerco spiegazioni. Nemmeno le voglio. Più che altro preferisco sapere, conoscere e capire quello che creiamo noi uomini. La mia frase cita il destino, si. Ma non ci credo. Volevo intendere: se esiste qualcosa, è una bella merda. Tutto qui.
  • mario durante il 23/08/2011 17:39
    Ops! Scusa la storpiatura non voluta, Musa Alienata, corretto.
    Ciaooo!
  • mario durante il 23/08/2011 15:52
    Cara Musa Aliena, Sei agnostica e pertanto vedi il cammino della vita, chiamalo destino, chiamalo come vuoi, regolato dal nulla, dal caso, questo non spiegherebbe niente.
  • Alessio B. il 21/08/2011 13:08
    Davvero una riflessione molto interessante, che fa porre numerosi interrogativi... Ma la mia modesta opinione è che non esista nessun destino... O almeno preferisco credere che sia così...
  • mario durante il 14/07/2011 23:41
    Non v'è destino peggior delle nostre scelte!
    Siam ciechi come talpe!
    Sordi come campanari!
    Muti come timidi innamorati!
  • Musa Alienata Inquietante il 12/01/2011 09:58
    Sono agnostica, non ho mai citato un dio. Potrebbe essere qualsiasi altra cosa... Era una mia riflessione amara sull'ironia nera della vita e della morte...
  • Anonimo il 27/12/2010 23:25
    Tu Maria-Antonietta La Pignola, credi nel destino. Secondo te la nostra nascita non è casuale, mi spiego meglio: la nascita delle piante degli insetti, anche dei polli è casuale, invece la nostra non lo è. Pertanto noi siamo nati perchè inviati da un Dio e pertanto anche noi siamo DEI. Se credi questo si è vero il nostro destino è regolato da un Dio cieco e sordomuto.
  • Musa Alienata Inquietante il 07/12/2010 20:18
    Grazie, davvero.
  • Enrico Scarcella il 15/10/2010 09:21
    Sei giovanissima ma già hai capito tante cose di questo pazzo mondo. Stupendo aforisma.
  • Nicola Lo Conte il 18/07/2010 09:49
    E...
    se fossimo noi,
    nello spazio tra le vite,
    a scegliere il nostro percorso di apprendimento?!?
  • Sergio Fravolini il 14/07/2010 15:11
    Forse è proprio così.

    Sergio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0