accedi   |   crea nuovo account

Ignoranza madre degli stupidi

Povero colui che delle sue debolezze, della sua mancata sensibilità d'animo, della sua ignoranza e dei suoi difetti, ne fa arma per colpire chi, dinnanzi a lui, rispecchia quella molteplicità di elementi che non gli appartengono. Beati i saggi che colgono nell'essenza delle cose, il valore della vita e attraverso essa, rifioriscono per sorvolare in cieli più alti; tutti gli altri brillano di luce riflessa che prima o poi si spegnerà nell'attesa di un nuovo abbaglio. Gli unici mezzi per catapultarsi in una nuova dimensione, sono la cultura e l'intelligenza. Esse, costituiscono lo strumento necessario per ammutolirli, per renderli ancora più incapaci di agire, così finiranno per farsi male da soli, all'insaputa degli stessi. Poveretti!

 

3
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • mirtylla il 02/12/2011 16:12
    Ho letto da qualche parte questa frase: Non litigare mai con uno stupido, poiché ti porta al suo livello e poi ti frega con l'esperienza..." davanti ad uno stupido o ignorante che sia non c'è cultura o intelligenza che tenga, è impossibile raggionarci...
  • DOMENICO FRUSTAGLI il 17/07/2011 22:10
    Bisogna essere colti e anche generosi d'animo.
  • Anonimo il 23/07/2010 14:10
    Gli ignoranti e gli stupidi danno fastidio, ma sono persone sfortunate, inconsapevoli. Odiate, schernite da tutti, che invece di criticare e buttare a terra, dovrebbero essere prese per mano ed aiutate.
    Condivisa e piaciuta.

    Un caro Saluto.

    Sabrina
  • laura cuppone il 21/07/2010 17:39
    ... mia nonna (pace alla sua anima) mi diceva sempre che é meglio una parola in meno che una in più... credo sia vero... come quando aprir bocca sia solo per metter pace.. ecco, anche questo sempre mi diceva...

    la saggezza... com'è difficile però...

    ciao Isabella.
    laura
  • Isabella Tradito il 21/07/2010 17:28
    Ciao Laura, non si pù essere sempre daccordo. Ma io credo che in genere a prescindere come dici tu, se si è colti e stupidi o ignoranti e intelligenti, la cattiveria a volte è frutto di un 'innata ignoranza che essa possa appartenere ad uno che sia colto o meno non importa. Il saggio per me è proprio colui che sa quando parlare e quando starsene zitto senza ferire nessuno. grazie del commento.
  • laura cuppone il 21/07/2010 17:06
    non sono d'accordo.. si può esser ignoranti ma intelligenti... si può esser colti e stupidi...
    oh, si... si può..
    ciao Laura
  • Giacomo Scimonelli il 21/07/2010 10:09
    hai perfettamente ragione brava un appunto... secondo me sarebbe stata un'ottima poesia... molto.. molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0