PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Figli miei

Ogni mia poesia è una mia creatura, ma tollero e perdono chi l' attacca e non l' apprezza, perché non è frutto del suo grembo.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Mario Olimpieri il 06/08/2010 17:24
    Molto vero, i figli sono pezzi di cuore.
  • Anonimo il 06/08/2010 15:14
    Bellissimo aforisma...
    Infondo chi non ha creato, non guarderà mai con i nostri stessin occhi la "Creatura", non sentirà mai lo stesso dolore o lo stesso piacere. Ci sono cose che per quanto possano essere altrui, rimarranno sempre estremanente e visceralmente tue.
    Un abbraccio
  • Laura cuoricino il 06/08/2010 14:40
    Sì, Don! ogni poesia è una parte di noi che abbiamo trasmesso, abbiamo rivelato agli altri senza pretese, senza prosopopee!
    Con il dovuto rispetto, frutto di educazione, gli altri possono anche non condividere, l'importante è capire che c'è solo umiltà, sincerità, anima in ciò che scriviamo!
    Ottimo aforisma!
  • giuliano paolini il 06/08/2010 14:24
    caro dolce amico è vero però che di tanto in tanto qualche figlio deforme nasce anche con le nostre migliori intenzioni o perlomeno è così che pare agli altri ma noi che siamo genitori li amiamo tutti allo stesso modo - beh dai dillo con me ogni tanto partorisco una vera ciabatta - ah e fatti una risata sopratutto quando azzecchi qualcosa di valore perchè è proprio allora che rischi di rosolarti e bearti convinto di avere conquistato il rispetto di te stesso, mentre non esiste rispetto ma solo impulso a procedere, non fermarti troppo ma solo il breve tempo necessario a ristorare il cuore e poi vai corri e vola senza voltarti. ti voglio bene per quel che vale il bene di un 3/4 di poeta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0