PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il paese natio

Non capisco, perché dovrei essere legato al mio paese natio, non l' ho mica scelto io, tra l' altro stando a mamma mia io sarei dovuto nascere altrove.

 

3
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 07/08/2010 22:58
    Condivido che il campanilismo non sia una cosa così dovuta. Anche se dipende un poco dal paese che lasci. Da Bressanone a Gela abbiamo certi posti che ruberebbero il cuore alla persona più disincantata,
  • patrizia chini il 07/08/2010 16:48
    ci sarà un motivo che ostacola questo vincolo che sentono "qusi tutti" quando speciamente ci sono le persone care... e quando ci abbiamo trascorso la gioventù...
    se mancano entrambe le condizioni allora hai ragione
  • tania rybak il 07/08/2010 10:33
    sono nata in Ucraina e sono adottata dall'Italia, sono legata a entrambi, al primo per la mia nascita e al secondo per la nascita dei miei figli, non rinnego il mio paese natale e amo Italia per quello che mi ha dato, sono fortunata amo tutte le sfumature della vita
  • Anonimo il 06/08/2010 18:45
    Ognuno si lega al pease di cui si sente Veramente figlio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0