PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

[Senza titolo]

Un mascalzone travestito da gendarme: LO STATO.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Anonimo il 18/08/2012 12:53
    Quanto diffusa è l'abitudine di generalizzare e quanto offende ed amareggia chi compie onestamente, generosamente, faticosamente il suo dovere. A servizio anche di chi l'offende.
  • Giovanni De Lombardis il 13/11/2008 10:52
    l'intelligenza non ti appartiene cara vanessa, non ti disturba che scrivo il tuo nome in piccolo?
  • Giovanni De Lombardis il 13/11/2008 10:51
    Pagate i diritti a Sor Carmelo, mi raccomando.
  • Giovanni De Lombardis il 06/11/2008 11:11
    Avete un concetto dello stato ridicolo e controverso
  • Ugo Mastrogiovanni il 29/10/2008 12:35
    ...è una divia che ci costa tante tasse!
  • Vincenzo Capitanucci il 06/10/2008 10:43
    Chiamate la polizia... ehm... volevo dire la pulizia...
  • ALESSIO SANNA il 16/04/2008 18:06
    Per Vanessa, leggo con piacere i tuoi commenti, spesso sottolinei il concetto che lega lo scritto alla comunicazione che voglio dare, però esageri un tantino, insomma il commento non deve trasformarsi in una imposizione, abbiamo tutti reazioni diverse, perchè ogni scritto ci da diverse senzazioni.
    Grazie comunque, saluto Vanessa e Michela
  • ALESSIO SANNA il 11/10/2007 12:13
    Lisa, la libertà non viene garantita dallo stato, l'uomo ha il potere di garantirsela.
  • Anonimo il 14/09/2007 19:58
    Ben espresso il paradossso che fa da sfondo al mondo della politica. Aforisma chiaro, diretto che rivela un'amara realtà.
  • Donatella il 22/04/2007 19:24
    piuttosto infantile, sà di vignetta!
  • ALESSIO SANNA il 20/04/2007 10:52
    In verità pochissmi anarchici ricercano la realizzazione dell'anarchia, molti di più si interessano a trovare modi che possano coinvolgere la società come appunto sentire l'anarchia, come un ricercare in noi ritagli di solitudine che ci porta a stare attenti a ciò che circonda il nostro spazio, anche senza speranza di trovare soluzioni che impostino un pensiero in modo schematico.
    Per concludere chi ama l'anarchia, chi la frequenta col pensiero sa benissimo che resta un'UTOPIA forse proprio per questo la ricerca con maggior frequenza.
    GRAZIE A TUTTI PER LA CONSIDERAZIONE.
  • Luigi Lucantoni il 17/04/2007 22:01
    Non fa alcuna differenza. L'anarchia è scientificamente irrealizzabile.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0