PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io e Dio

tutto quello che esprimiamo suoni voci movimenti è solo il vestito delle nostre paure il vero cuore del nostro essere pulsa nella penombra e anche se tenta disperatamente di farsi sentire è soffocato dal quotidiano masticare il quieto, l'ovvio il corretto mentre l'autentico è imprevedibile e a volte assurdo, ma se aspiriamo alla bellezza dovremmo comprendere il senso di osare ed essere quello che siamo davvero.

 

3
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • silvana capelli il 09/03/2012 11:39
    "fai agli altri ciò che vuoi sia fatto a te" ha detto Gesù, fai questo e vivrai in pace. Ecco la quiete del quotidiano, vivere in pace è la bellezza che dovremmo tutti aspirare e comprendere il vero senso di quello che siamo. però non è da tutti...
  • Anonimo il 20/03/2011 16:27
    infatti penso che Dio ci voglia bene proprio per come siamo... e non come vorremmo essere... complimenti giuliano scrivi a mio parere bene
  • Giacomo Scimonelli il 01/01/2011 18:07
  • Eliana-Artemisia Ametista il 11/12/2010 19:47
    quello che siamo davvero dipende da noi, sempre
  • laura cuppone il 29/11/2010 12:13
    ...
    e che non lo so?
    lo so, lo so...

    baciooooooooo
    Lau

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0