PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La gente giudica, giudica sempre

La gente giudica, giudica sempre. Sembra una malattia universale, di quelle incurabili ma non terminali. Giudica il tuo modo di vestire, il tuo modo di camminare, il tuo modo di parlare, il tuo modo di pensare, il tuo modo di amare. Cammina per le strade affollate e ad ogni passo si ferma ad osservare, osserva i suoi simili. Li scruta, li cataloga, si limita alla superficie. La gente giudica, giudica sempre. Si strugge a reclamare la vita degli altri, perdendo di vista la loro Giudica il tuo modo di vivere, le tue scelte; ma le scelte mica sono comuni, riguardano te, la tua storia;ma poi, chi è che decide cosa è giusto o sbagliato? Ciò che è giusto per te, potrebbe non esserlo per me. La gente, per capire, dovrebbe vivere la storia di qualcun altro. Bisognerebbe invertire i ruoli ogni tanto;così solo per un po', per sentire i dolori, le gioie, i sentimenti, le ferite altrui sulla propria pelle, per sentire quanto è difficile prendere certe decisioni, per capire perché sono state prese; perché è la tua vita che devi vivere e non la loro.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • marzia il 04/07/2012 14:42
    bellissimo pensiero.. assolutamente condiviso!
  • Anonimo il 16/12/2011 18:09
    Posso ben capire la verità di quanto sostieni ma, nemmeno sforzandomi con tutte le energie del mio cervello, riesco ad immaginare quello che la gente potrebbe pensare di me o come mi vede. Se mi parli di vestiti poi mi viene addirittura da ridere perchè mia moglie mi dice spesso: non ti vergogni ad uscire così?... il colore che non va bene con quell'altro, le scarpe di qui e l'altra cosa di la... non saprei nemmeno come affrontare il discorso. Mi sento superiore, ma davvero... e non immagino nemmeno che davvero accada che la gente si interessa ai cavolacci miei. quando insegnavo andavo a scuola con la due cavalli sporca di fango, quella che usavo per andare in camporella... ahahah... e le scarpe da ginnastica ed i jeans... mio padre mi regalò la sua Mercedes Benz (e ne comperò una nuova) per non farmi fare brutta figura. da non credere... e come mi volevano bene gli allievi( parlo di ragazzi di quasi vent'anni). Ciaociao... segui il consiglio di rosaria esposito che è una brava e bella guagliona... anch'io la penso come lei, ma io sono un vintage, potrei ingannarti... ahahahah
  • rosaria esposito il 12/04/2011 21:14
    non ti curar di lor, ma guarda e passa... Monia. se ti curi di quel che dice la gente, non puoi neanche più uscire di casa.
  • Uglisse il 27/12/2010 07:58
    C'era una canzone che faceva "se sei bello ti tirano le pietre, se sei brutto ti tirano le pietre"... ecco, non conta essere belli o brutti tanto qualcosa da ridire la gente la troverà sempre! Tanto vale fare quello che si sente e meritarsele quelle pietre!
  • Aldo Riboldi il 01/12/2010 23:35
    È incredibile la quantità di tempo disponibile che hanno certe persone per farsi i cavoli altrui... dev'essere un dono di natura anche quello e quanti doni sono stati elargiti!
    Hai tutta la mia comprensione, un consiglio scontatissimo... fregatene!
    ciao
  • Viky D. il 30/11/2010 22:40
    La gente dovrebbe trovarsi un lavoro serio, invece di parlare, e parlare, e parlare...
    particolarmente apprezzata, brava.
  • denny red. il 30/11/2010 21:41
    Monia, un giorno.. un angolo.. deciderà.. i loro passi.
    BRAVA!!! BEN SCRITTA!!!!!
  • Alberto Veronese il 30/11/2010 16:23
    parla solo con chi ti ascolta... ciaociao
  • Anonimo il 30/11/2010 09:55
    Come direbbe un saggio: sante parole. Mi trovi in piena sintonia con te. Cito F. De Andrè: riesce ad elargire consigli chi non è più in grado di dare il cattivo esempio.
    Lasciamoli parlare e proseguiamo per la nostra strada.
    CIAO
  • Giacomo Scimonelli il 29/11/2010 15:56
    hai perfettamente ragione cara Monia... bisognerebbe invertire i ruoli ogni tanto. Condivido dalla tua prima parola all'ultima. Pensiero molto profondo che dovrebbe essere preso da esempio da tutti i giovanissimi e non solo. Bravissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0