PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Indole splatter

Le persone disgustose non sono in grado di narrare storie disgustose.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Giovanni Conti il 18/12/2008 17:21
    Dunque, se un perverso racconta le cose in modo "normale" (secondo lui) e a noi sembra perverso (secondo i nostri criteri), quando dovrà parlare di qualcosa che ritiene "perverso" lui stesso, magari a noi non sembrerà più perverso. (è una lunga storia... non autobiografica)

    Quindi si, l'aforisma psicologico funziona appunto sulla relatività del giudizio personale.
  • Luigi Lucantoni il 22/12/2007 23:25
    perché ciò che disgusta gli altri per loro tale non è.
    I serial killer (volendo) parlerebbero con naturalezza dei loro crimini
  • ale marlene il 22/12/2007 23:18
    davvero? e perchè?
  • enrico ziohenry il 04/08/2007 14:46
    secondo me, le persone disgustose raccontano solo cose disgustose; ma poi, chi sono le persone disgustose? Ciao Enrico
  • Luigi Lucantoni il 24/07/2007 17:51
    No figurati Marco, ti diro che in quanto appassionato di horror e sensibile alla tematica, non a caso da ragazziono ero un gran fifone quando ne trasmettevano uno in TV. Ciao e grazie!
  • marco moresco il 24/07/2007 14:28
    Ciao Luigi, quello che dici è vero, ma non riguarda soltanto le persone disgustose, chiunque è dentro un modo di essere o un ambiente non è mai in grado di narrarlo come chi lo osserva dall'esterno, e poi c'è sempre un bisogno profondo di nascondere e proteggere il nocciulo più intimo del nostro essere, chi è disgustoso si imbelletta, chi è troppo pulito spesso recita la parte del cinico e così via, ma penso di averti già rotto le balle abbastanza, ciao Marco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0