accedi   |   crea nuovo account

La nazionalità non è nell'individuo.

Le persone introverse e solitarie sono quelle che meno esemplificano la loro appartenenza etnico-nazionale. I nazionalismi peredranno tutti i loro fondamenti in un mondo che attua un'omologazione dell'individualismo. Non penso che sia un bene, ma tanto meno che sia un male.

 

5
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Giovanni Conti il 18/12/2008 17:01
    In effetti è un dato di fatto, inevitabile e logico. Bene e male? non c'entrano, sono appunto molto più personali. Chi è più introverso è molto più auto referenziale ed anche autarchico, quindi non sarà certo un nazionalista e non perderà i suoi valori, le sue motivazioni per cause simili. a meno che non lo decida lui stesso (concetto di Marco Aurelio in effetti vero)
  • Luigi Lucantoni il 05/08/2007 21:10
    Ti ho già detto che sono nichilista, non mi sento una persona buona; solo uno che rispetta le regole x quanto può.
    Il buon senso è dettato soprattutto dalla ragione, la coscienza non centra perché è strettamente connessa con l'istinto.
  • Alla Iarovenko il 05/08/2007 20:56
    Veramente sono delusa di questo tuo commento. Sono daccordo SOLO con il vero buon senso, ma che sono astrazioni-NO! Allora a questo punto tutto è giustificabile! Con tale morale è facile vivere... P. S. Se buon senso è comunque consigliato dalla coscenza, sappi che esiste anche la coscenza erronea.
  • Luigi Lucantoni il 04/08/2007 22:41
    tutto è relativo, anche la morale, il rispetto delle regole è dettato dal buon senso e dalla capacità di ciuascuno di noi di immedesimarsi nel prossimo. Il bene e il male sono astrazioni
  • Alla Iarovenko il 04/08/2007 22:28
    Secondo te nella tua morale non esiste nè il bene nè il male o meglio il bene e il male sono relativi al concetto che tu hai di loro.
  • Luigi Lucantoni il 01/08/2007 22:54
    E'un dato di fatto, il bene e il male sono nostre convenzioni, ragionare con la consapevolezza di ciò lo trovo decisamente un bene.
    Filosoficamente parlando sono un nichilista
  • Alla Iarovenko il 01/08/2007 18:03
    Allora in primo luogo non sono d'accordo con quello che hai detto riferito alle persone introverse perchè per loro assolutemente non è tutto più semplice ma viceversa più difficile, quindi anche l'appartenenza etnica è più importante. Per quanto riguarda i nazionalismi non penso che succeda come scrivi tu. In ogni caso se il perderli non è un bene ma non è un male che cosa è allora?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0