PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Alla ricerca del mio amore

A conti fatti non so se sono in grado di amare, di sicuro so di saper provare forti emozioni. Se solo, una volta tanto, una lei si sentisse di ricambiare; solo allora potrò per la prima volta mettere alla prova su di me questo verbo così romantico e ambiguo.

 

4
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 07/05/2011 17:55
    Un uomo si dava... sul suo organo, con un martello. Provava forti emozioni quando sbagliava bersaglio. Ciao
  • Anonimo il 26/04/2011 06:13
    l'emozionarsi può essere un primo passo verso alla scoperta (o riscoperta) dell'amore nella sua essenza più profonda!
  • Luigi Lucantoni il 26/04/2011 00:02
    al di là del titolo è + ispirato a Wilde se lo leggi, orchidea devi leggerlo x ultimo
  • rosaria esposito il 25/04/2011 20:49
    il viaggio allucinante lo stiamo facendo qui dentro, gli occhi rivelatori... non era il cuore rivelatore?, l'orchidea tutto sommato mi suggerisce un che di inquietante.. aaaahhhh è solo un aa, come dire a! perchè l'acca come si sa è muta.
  • Donato Delfin8 il 25/04/2011 19:39
    dai dai potrai contare su di lei zi zi e magari coniugare altri verbi
  • Luigi Lucantoni il 25/04/2011 19:16
    sono 3: viaggio allucinato, occhi rivelatori e orchidea.
    quel ahh sembra un gemito erotico
  • rosaria esposito il 25/04/2011 18:55
    aahhhhhhh! fammene leggere uno. io li adoro. prima ho scordato di votare.
  • Luigi Lucantoni il 25/04/2011 18:44
    SE voglio spaventare ho i miei racconti horror
  • rosaria esposito il 25/04/2011 17:00
    sono sicura che ci sarà chi si sentirà di ricambiare, ma, almeno all'inizio, cerca di evitare di spaventarla coi tuoi aforismi. auguri.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0